Premier League, uno studio rivela quanto potrà spendere ogni club rispettando regole FFP

La sessione di mercato invernale si avvicina e, in attesa di conoscere le mosse dei club e i trasferimenti, uno studio rivela quanto potrà spendere ogni club di Premier League rimanendo entro il limite del fair play finanziario. L’analisi sulla massima serie inglese è stata effettuata dal docente di finanza calcistica dell’Università di Liverpool Kieran Maguire per Sportsmail. Può sorridere Conte, nuovo tecnico del Tottenham, e con lui anche Liverpool e Manchester United; al contrario l’Everton dovrà stare molto attento. 

Premier League, uno studio rivela quanto potrà spendere ogni club

Gli Spurs, dopo un decennio di profitti eccezionali e spese di trasferimento limitate,  hanno di gran lunga il maggior spazio di manovra in tema di FFP. Il club del nord di Londra potrebbe spendere fino a 400 milioni di sterline e rimanere nel limite del Fair Play Finanziario, il doppio della somma a disposizione dell’Arsenal, ma anche una cifra nettamente superiore a quella di Chelsea, Liverpool, Manchester United e Manchester City.

Daniel Levy, sottolinea il professor Maguire, ha gestito il club in modo superbo: “La spesa netta per i trasferimenti degli Spurs dal 2010 è compresa tra un quarto e la metà degli altri 6 big club ed è la società di maggior successo in termini di mantenere bassi i suoi stipendi in proporzione al reddito generato dal club. Daniel Levy ha gestito il club come un’azienda in modo superbo, ma se lo vedi come più di un’azienda, allora non è eccezionale”.

Antonio Conte
Antonio Conte

I club della Premier League possono subire perdite fino a 105 milioni di sterline in tre anni, ma possono spendere di più se realizzano un profitto. Questo comunque non significa che gli Spurs abbiano i soldi disponibili o l’intenzione di investirli. Conte punterà sicuramente a rinforzare la sua squadra ma bisogna ancora vedere quanto sarà disposto a spendere Daniel Levy a gennaio. 

premier
Studio di Kieran Maguire per Sportsmail

Sul podio insieme al Tottenham ci sono il Liverpool con 273 milioni di sterline e il Manchester United con 243 milioni di sterline. Completano la top 10 il Chelsea (241 milioni di sterline), l’Arsenal  (£ 201 milioni), il Burnley (£ 171 milioni), il ricchissimo Newcastle (£ 166 milioni), il Leeds United (£ 99 milioni), il Norwich City (£92 milioni) e il Brentford (£88 milioni). 

Solo dodicesimo il Manchester City con 84 milioni di sterline seguito da Leicester e West Ham. Ultimo invece l’Everton. Il club di Liverpool è in deficit di 35 milioni di sterline. 

Resta da vedere come e quanti soldi spenderanno effettivamente i club. Sicuramente ci si aspettano grandi movimenti in casa Newcastle. La nuova ricchissima proprietà vuole evitare la retrocessione e farà di tutto per rinforzare la rosa e rimanere in Premier. Non c’è dubbio che il consorzio che ora gestisce il club, sostenuto dal Fondo per gli investimenti pubblici dell’Arabia Saudita, ha i soldi per investire fino al limite consentito. Il Newcastle sarà in grado di spendere circa £ 200 milioni in giocatori senza violare le regole FFP in un periodo di tre anni, una volta che i nuovi proprietari avranno negoziato i primi accordi commerciali.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.