Calciatrice iraniana accusata di essere un uomo, Giordania chiede di aprire un’indagine

Calciatrice iraniana accusata di essere un uomo. Il calcio femminile internazionale viene scosso dal caso di Zohreh Koudaei. La Giordania, infatti, ha inviato una lettera alla Confederazione calcistica asiatica (AFC) per chiedere di condurre un’indagine ufficiale sulla Koudaei per determinare il suo sesso. Le gravi accuse arrivano a poche settimane di distanza dalla vittoria dell’Iran sulla Giordania nelle qualificazioni per la Coppa d’Asia 2022. Un successo acciuffato ai rigori a settembre ma che sta sollevando un polverone.

Calciatrice iraniana accusata di essere un uomo, Giordania chiede di aprire un’indagine

La selezione iraniana, in quell’occasione, ha vinto 4-2 ai rigori e la protagonista indiscussa della giornata era stata proprio la Koudaei, che aveva parato ben due penalty. Grazie alla prestazione della giocatrice e grazie alla vittoria finale, la squadra femminile dell’Iran parteciperà per la prima volta nella sua storia alla Coppa d’Asia. 

Zohreh Koudaei

Un successo accolto con grande entusiasmo in Iran, ma con grande frustrazione in Giordania. Pochi mesi dopo la sconfitta, il presidente della Federcalcio giordana, il principe Ali Bin Al-Hussein, ha presentato una “richiesta di verifica sul genere” del portiere Koudaei, aggiungendo che si tratta di un “problema molto serio, se fosse vero”. Il principe ha pubblicato le accuse anche sui social network scatenando una polemica internazionale.

Secondo Al-Hussein, la giocatrice avrebbe mentito sulla sua reale identità approfittando del capo velato, che avrebbe nascosto i suoi tratti somatici. Alcuni tifosi ma anche alcuni giornalisti pensano però che il principe non sappia semplicemente accettare la sconfitta e che i suoi siano dei capricci per aver perso il match. 

Dello stesso parere la Federcalcio iraniana, che è subito intervenuta per difendere la propria giocatrice. La CT Maryam Irandoostha, ai microfoni di Varzesh3, ha spiegato che le ragazze vengono sottoposte a controlli: Lo staff medico ha esaminato attentamente ogni giocatore della squadra nazionale in termini di ormoni per evitare qualsiasi problema in questo senso, quindi dico a tutti i tifosi di non preoccuparsi”.

Sicuri di quanto affermato, continua Maryam Irandoosth, forniranno tutta la documentazione: “Forniremo tutta la documentazione che la Confederazione asiatica del calcio desidera senza perdere tempo”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.