Florentino Perez contro il PSG: “Offri 200 milioni e rifiutano. È la follia dei club-stato”

Florentino Perez pensa ancora a Kylian Mbappé. Il presidente del Real Madrid torna a parlare di mercato e in particolare della faraonica offerta presentata in estate al PSG per il centravanti francese. Il dirigente spagnolo non riesce ad accettare che il club d’oltralpe abbia rifiutato una cifra così grande per un giocatore che è, tuttora, in scadenza di contratto. 

Florentino Perez contro il PSG: “Offri 200 milioni e rifiutano”

In un’intervista con il giornalista Ramon Alvarez de Mon di Radio MARCA, il 74enne ha lanciato qualche frecciata al PSG. Perez non ha fatto nomi e non ha citato società, ma ha criticato i club sostenuti da fondi statali. Il presidente blancos, inoltre, è tornato sul tema Super League. 

Superlega Perez Psg Bayern
Florentino Perez

Il dirigente ha criticato il fatto che alcuni dei migliori club d’Europa ora abbiano il sostegno statale. Parlando con i membri del consiglio di amministrazione del Real Madrid prima dell’assemblea generale del club, il presidente dei blancos ha sottolineato la minaccia di queste società, come PSG, Manchester City e ora anche il Newcastle United.

Un concetto che ha ripreso con il giornalista Ramon Alvarez de Mon: “Dobbiamo rispettare i nostri contratti e cerchiamo di portare buoni giocatori, i migliori giocatori. Ma te lo devi permettere. Siamo arrivati in un momento in cui offri 200 milioni per un giocatore e non te lo vendono. Quando vanno in scadenza di contratto è meglio, ma adesso c’è la follia dei club gestiti dagli stati che non vogliono venderti i giocatori”. Un chiaro riferimento al caso Kylian Mbappé.

mbappe traverse
Mbappé

Il presidente continua spiegando la sua preoccupazione per il futuro: “Io mi sforzo per far sì che la gestione finanziaria del club prevalga, non i soldi che arrivano da fuori. Verrà il momento in cui i primi 30 club in Europa saranno di proprietà degli stati, ma questo non è il principio della Comunità Europea. Sto combattendo per questo da quando sono arrivato qui”. 

Florentino Perez chiude l’intervista difendendo, ancora una volta, il progetto Superlega: “Nel 1955 è stata creata la Coppa dei Campioni ed era la stessa situazione di adesso. Il calcio deve essere giocato sulla base dei meriti e delle risorse che si hanno. E devi avere i principi dell’UE: solidarietà, concorrenza e fair play. Dobbiamo risolverlo e lotterò per questo”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti