Piqué a cuore aperto: “Io al Real Madrid? Preferirei morire. Messi? È come un fratello”

Gerard Piqué a cuore aperto. Il difensore del Barcellona, in una lunga intervista durante il programma televisivo El Hormiguero, ha spaziato tra diversi temi. Dal suo futuro a un ipotetico passaggio al Real Madrid, fino a Xavi e all’ormai ex compagno di squadra Messi.

Piqué a cuore aperto: “Messi? È come un fratello”

Si parte dal nuovo allenatore del Barcellona e dalle famose regole imposte ai giocatori dopo il suo arrivo: Xavi ha messo delle regole, come fanno tutti gli allenatori. La questione della bici elettrica e quella del surf non sono state menzionate, non so se si possono fare queste attività oppure no. Ma le regole sono necessarie e tutti quanti le rispetteremo come è sempre stato”.

xavi
Xavi

Piqué conosce molto bene il tecnico, visto che è stato anche suo compagno di squadra. Ma questo non facilita la loro convivenza, anzi, la complica. Il giocatore blaugrana sente di dover fare sempre del suo meglio per non deludere l’ex centrocampista: Non so dire se è positivo o no il fatto che io e Xavi siamo stati compagni di squadra. È una cosa che mi mette una pressione ulteriore, perchè non posso tradirlo a livello morale. Lui sa benissimo quello che posso dare e se non lo faccio ho come l’impressione di deluderlo”.

Messi e Piqué

Xavi è tornato a casa ma, in estate, Messi ha lasciato il Camp Nou. Un addio che fa ancora discutere, ma anche un addio difficile da superare per chi, come Piqué, condivideva con lui lo spogliatoio da anni e anni: È stato un giorno durissimo, abbiamo condiviso lo spogliatoio per 16 anni, per me è quasi come un fratello. È stata dura a livello personale. E poi quest’anno non abbiamo iniziato bene perché se n’è andato il miglior giocatore di sempre, il fatto che abbia vinto di nuovo il Pallone d’Oro lo dimostra”. 

Piqué a cuore aperto: “Io al Real Madrid? Preferirei morire”

Il futuro del campione argentino è a Parigi. Il futuro del 34enne invece cosa prevede? Piqué ci sta già pensando: Ho parlato con molti ex compagni, che mi hanno spiegato che quando finisci la carriera ti trovi davanti a un abisso. Giochi da quando hai 16 anni e all’improvviso un giorno finisce tutto. Puoi essere preparato quanto vuoi, ma dicono tutti che ci vuole un po’ ad adattarti a una nuova vita”.

Il giocatore, famoso anche per i suoi numerosi investimenti, potrebbe puntare alla presidenza del Barcellona: “Ci sono giorni che dico che vorrei farlo, altri in cui la risposta è no. Devi amare tantissimo il club, il sacrificio quando le cose non vanno bene diventa personale. Devi accettare di non guadagnare nulla, anzi, anche di perderci solo per il fatto di amare il club. Io sono innamorato da sempre del Barça, ma da qui a diventare presidente ce ne passa. Se i numeri sono positivi, ti ridanno i 150 milioni che devi versare come garanzia quando ti eleggono, altrimenti…”.

C’è spazio infine per una domanda sui rivali di sempre. A chi gli chiede cosa dovrebbe offrirgli il Real Madrid per accettare un trasferimento, Piqué risponde senza esitazione: “È assolutamente impossibile, niente. Preferirei morire piuttosto che dover giocare per il Real Madrid“.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA