Cazzaniga si sfoga alle Iene: “Con Maya facevamo solo sesso telefonico. Mi chiedeva sempre soldi. Diceva di lavorare con Belotti e Versace”

L’ex pallavolista Roberto Cazzaniga è stato vittima di una truffa architettata da una donna cagliaritana di nome Valeria Satta. Per 15 anni questa donna si è spacciata per Maya, prendendo in “prestito” le sembianze della modella brasiliana Alessandra Ambrosio e chiedendo denaro a Cazzaniga per un totale di 700mila euro. La truffa è stata scoperta dalle Iene, contattate dagli amici del pallavolista e quando Cazzaniga ha scoperto la verità, si è lasciato andare a un lungo sfogo.

Cazzaniga truffato da una donna cagliaritana

Per chi non avesse visto il servizio delle Iene, Cazzaniga avrebbe “conosciuto” virtualmente Maya tramite un’amica in comune, che nel corso degli anni gli ha mostrato prove dell’esistenza di questa donna come foto ritoccate. In realtà l’atleta ex nazionale non ha mai visto questa donna, ma solo sentita telefonicamente: “Non voleva mai vedermi perché diceva di sentirsi in imbarazzo in quanto malata gravemente al cuore. Non voleva che la vedessi così. E lei diceva di non uscire quasi mai di casa perché attaccata ai macchinari”, spiega Cazzaniga all’inviato delle Iene. “Io mi sono fidato della mia amica, che mi aveva visto crescere. Mai avrei pensato che mi stesse truffando. Una truffa durata 15 anni dove Cazzaniga rivela: “Non l’ho mai vista, facevamo sesso telefonico e io non l’ho mai tradita, anche se c’è stata occasione. Le chiedevo il permesso anche per andare ai compleanni dei parenti perché non volevo privarmi della sua telefonata giornaliera”.

Il volto di “Maya” alias Valeria Satta

700mila euro i soldi “regalati” a questa donna, che l’hanno mandato sul lastrico: “Mi chiedeva di fare la spesa e pagare le bollette a lei e a alle sue amiche che chiamava le Winks. Poi mi chiedeva anche soldi per lavorare con Versace e con Belotti, le definiva come delle tasse. Ho anche regalato un’auto a lei (una Ford Focus nera, ndr) e un’auto (un’Alfa Mito rossa, ndr) alla nostra amica in comune per ringraziarla che ci aveva fatto conoscere”. Con quei soldi Valeria Satta si sarebbe ristrutturata la villa a Capoterra. Alla fine Cazzaniga e l’inviato delle Iene sono partiti per Cagliari per conoscere la truffatrice, che però non è voluta uscire di casa, mettendo definitivamente il punto finale alla questione (almeno per il momento). Intanto Roberto può contare del sostegno dei compagni, non solo morale, dato che hanno lanciato una raccolta fondi che ha già superato i 20mila euro. Intervistato dai media brasiliani, Cazzaniga ha sdrammatizzato sulla vicenda: “Spero almeno di poter conoscere la vera Alessandra Ambrosio, potrebbe nascere una bella amicizia”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.