Dall’Argentina: “I problemi al cuore di Aguero causati dal vaccino anti-covid”, ma il suo medico smentisce: “Il motivo è un altro”

Di bufale sul vaccino anti-covid ne sono girate parecchie in questi mesi e l’ultima è serpeggiata sui social riguardante Sergio Aguero, che secondo i “beninformati del webbe” avrebbe riscontrato il problema cardiaco dopo la vaccinazione. Una fake news che è diventata talmente grande da richiedere l’intervento del cardiologo personale dell’attaccante argentino.

Aguero e la bufala sul vaccino anti-covid

Roberto Peidro, cardiologo personale di Sergio Aguero, ha fatto chiarezza sulla questione a tn.com.ar: “Il problema cardiaco che l’ha costretto a lasciare il calcio non ha nulla a che fare con il coronavirus o la vaccinazione“. Un problema che deriva da lontano: “Lo conosco da molto giovane e infatti l’ho curato alla Fondazione Favaloro quando all’età di 16 anni ha avuto un’aritmia. Fortunatamente dopo non ha avuto grossi problemi. Sono stati condotti diversi studi in collaborazione con i medici di Barcellona ed è stata esclusa la cardiopatia genetica. Quello che è apparso era una piccola cicatrice che riproduceva un’aritmia ventricolare ed era ciò che gli dava quel disagio nel gioco”.

Peidro spiega da cosa derivano i problemi caridaci: “Lo scenario più probabile è che la piccola cicatrice trovata sia prodotta da un virus di cui ha sofferto ad un certo punto della sua vita e che non è mai stato rilevato. Non ha nulla a che fare con il Covid o il vaccino. Non ne ho parlato con nessuno prima di oggi perché faceva parte del mio dovere di segreto professionale. Ora mi ha permesso di parlare con i media e spiegare le cose”. Il medico ha infine spiegato che Aguero potrà continuare a vivere una vita senza problemi ma dovrà evitare di mettere sotto stress il cuore con l’attività sportiva agonistica.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA