Southampton e Covid, Hasenhuttl rivela: “Giocatori si cambiano nelle loro auto e si portano pranzo al sacco”

Ralph Hasenhuttl ha parlato delle nuove norme per cercare di limitare l’ondata di Omicron e svela i metodi utilizzati dal Southampton per tentare di contenere i contagi. I club della Premier League, nelle ultime settimane, sono stati colpiti pesantemente da focolai di Covid. Il Tottenham, decimato dal coronavirus, si è visto annullare tre match, tra cui quello contro il Rennes in Conference League, e nelle scorse ore la massima serie inglese ha già deciso di rinviare due gare del Boxing Day (Liverpool-Leeds e Wolverhampton-Watford). 

Southampton, Hasenhuttl rivela: “Giocatori si cambiano nelle loro auto e si portano pranzo al sacco”

Fortunatamente non ci sono solo squadre in difficoltà, ma ci sono anche formazioni che al momento non registrano casi di Covid. Tra queste, il Southampton che, per evitare focolai, sta attuando misure rigorose. 

Ralph Hasenhuttl ha rivelato che i suoi giocatori si cambiano nelle loro auto e  che non pranzano più nella mensa del club: “La situazione Covid cambia ogni giorno. Oggi faremo i test di nuovo, ma per ora siamo a posto. Cerchiamo di attenerci alle regole e di fare ciò che ci aiuta finora a rimanere al sicuro. Non mangiamo più al chiuso, ci vestiamo in macchina e torniamo a casa dopo la sessione. Cerchiamo di ridurre al minimo il tempo intorno al campo di allenamento perché se hai un caso, puoi separarlo immediatamente. Questo è quello che abbiamo fatto nel momento in cui abbiamo avuto il maggior numero di infezioni ed è quello che facciamo di nuovo”. 

Hasenhuttl 

I Saints, il giorno di Santo Stefano, si recheranno nella capitale britannica per affrontare il West Ham prima di tornare al St Mary’s per ospitare il Tottenham il 28 dicembre.

La maggior parte dei club della massima serie giocherà anche il giorno di Capodanno e, sebbene Hasenhuttl comprenda la necessità di giocare a calcio durante il periodo natalizio, si chiede perché sia ​​necessaria una partita infrasettimanale tra il 26 dicembre e il 1 gennaio: “Ci vogliono più di due giorni tra una partita e l’altra. Dobbiamo sempre fare quello che ci viene detto di fare, ma con la situazione che abbiamo, senza cinque sostituzioni, con il programma che abbiamo, provoca sicuramente infortuni, questo è sicuro. Lo sappiamo e in passato abbiamo visto che il periodo natalizio è il momento in cui si perdono molti giocatori”. 

premier league

La squadra di Hasenhuttl ha beneficiato di una pausa forzata dopo che la partita in programma a Brentford nei giorni scorsi è stata rinviata a causa di un focolaio nel club di Londra.

Ma in questo clima di incertezza, conclude Hasenhuttl, è difficile preparare le partite: “Sì, certo, aiuta sicuramente a prepararsi per una partita quando ci sono i giocatori qui. Il problema che abbiamo al momento è che se pianifichi con una squadra martedì, mercoledì può essere completamente diversa se emergono casi, quindi tutto cambia. Dobbiamo essere flessibili per ogni posizione perché all’ultimo momento tutto può cambiare, quindi devi preparare 24 giocatori. Questo è ciò che cerchiamo di fare, così siamo preparati per tutte le diverse eventualità”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA