Argentina, bacia la compagna di squadra e il club la licenzia. Lei si sfoga sui social: “Ingiusto”

Sta facendo molto discutere in Argentina la decisione presa dalla squadra femminile del Rosario Central, che ha licenziato la calciatrice Maira Sanchez per aver baciato una propria compagna di squadra all’interno delle strutture di allenamento del club. Sui social è arrivato lo sfogo della giocatrice argentina, che ha denunciato quello che, se verificato, è da considerarsi un vero e proprio scandalo.

Bacia la compagna, il club la licenzia

La giocatrice del Rosario Central femminile Maira Sanchez ha portato alla luce un episodio ai limiti, e probabilmente anche oltre tali limiti, della discriminazione di genere. Secondo quanto ha raccontato in un lungo sfogo social, la calciatrice sarebbe stata licenziata dal suo club per aver baciato una sua compagna di squadra. Ad informarla della decisione è stata la sua allenatrice, Roxana Vallejos, che l’ha convocata nello spogliatoio per comunicarle l’avvenuto licenziamento.

Bacia la compagna: il club la licenzia

Oggi devo salutare il club Rosario Central“, ha scritto la Sanchez aprendo il suo lungo sfogo sul proprio profilo Instagram. “E questi colori che amo fin dalla culla, che ho difeso con orgoglio e rispetto per 6 anni. Ho imparato molto, ho trovato molti amici e ricordi incredibili perché qui sono stata in grado di realizzare il mio sogno. Ma adesso per motivi extra calcistici e in modo molto ingiusto, non indosserò più questa maglia“.

Bacia la compagna: il club la licenzia

Il 9/11/21 mi hanno chiamato in uno degli spogliatoi – continua la ormai ex calciatrice del Rosario – e la nostra allenatrice mi ha detto che mi stava cacciando dalla rosa dei “professionisti” per essermi presumibilmente baciata all’interno del club con una compagna di squadra.  Dov’è il Segretario di genere? Dove sono le persone che difendono i nostri diritti? Perché non sono valutata come atleta? La mia vita personale viene prima delle mie prestazioni in campo?“.

Un episodio che sta generando molte polemiche in Argentina, con l’Istituto Nazionale contro la Discriminazione, la Xenofobia e il Razzismo che ha puntato il dito contro Rosario Central, non nuovo pare ad atti discriminatori del genere.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA