Hazard, critiche dal Belgio: “È un piccolo ragazzo grasso che è ingrassato ancora di più”

Critiche dal Belgio per Eden Hazard, e anche questa volta c’è di mezzo il suo pesoforma. Jean-Marie Dedecker, ex nazionale di judo ed ex direttore del comitato olimpico nazionale nonché attuale sindaco di Middelkerke nel nord del Paese, ha parlato della nazionale belga in un’intervista al quotidiano Krant van West-Vlaanderen e non ha risparmiato frecciate ai ragazzi di Martinez. 

Hazard, critiche dal Belgio: “È un piccolo ragazzo grasso”

Il 69enne ha criticato in modo particolare il capitano della selezione, facendo riferimento alla bizzarra fuga del centravanti al fast-food dopo una partita con la maglia Red Devils. Un episodio di circa 10 anni fa, che  Dedecker non ha dimenticato: “L’intera stampa si lamenta di lui. In realtà, è solo un piccolo ragazzo grasso che è ingrassato ancora di più  dal sistema e dai soldi. Posso ancora vederlo mentre fugge a mangiare un hamburger vicino allo stadio King Baudouin dopo che Georges Leekens lo ha sostituito”.

Hazard problemi bilancia
Hazard

Hazard, all’epoca, giocava per il Lille e si era guadagnato un posto da titolare in nazionale nella partita di qualificazione a Euro 2012 contro la Turchia. Ma quando il CT Leekens l’ha sostituito a mezz’ora dalla fine, l’attaccante ha reagito furiosamente e, a gara ancora in corso, ha lasciato lo stadio. Il giocatore è stato poi fotografato mentre mangiava un hamburger in un fast-food a Bruxelles con il resto della sua famiglia. Le immagini sono state diffuse dai giornali, costringendo Leekens a sospendere Hazard per due match, per mancanza di professionalità.

Belgio vaccino Covid
Mertens e Lukaku

Il politico belga, comunque, non ha lanciato critiche solo ad Hazard ma anche ad altri suoi compagni della nazionale. Secondo Dedecker, la formazione di Martinez non andrà molto lontana ai Mondiali: “I Red Devils non faranno bene in Qatar, ci sono diversi calciatori che sono al tramonto della loro carriera. Una volta che finisce in panchina, Kevin De Bruyne deve cominciare a lottare. E lo stesso vale per Romelu Lukaku o Dries Mertens. Questa è una generazione che sta invecchiando. Spero di sbagliarmi, ma non credo che sia così”. Un grande incoraggiamento in vista del Qatar…

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.