Il neo patron della Salernitana Iervolino è un vulcano: “Ribery non è il futuro. Balotelli? Non ci servono le figurine”

L’arrivo di Iervolino nel mondo del calcio è stato un fulmine a ciel sereno ma che ha riportato serenità nell’ambiente granata che si era già rassegnato all’esclusione della Salernitana dalla serie A. Il neo presidente, nella conferenza stampa di presentazione, è stato un vulcano in eruzione, dimostrando di avere le idee chiare su come gestire il club nei prossimi anni.

Iervolino boccia l’arrivo di Balotelli a Salerno

“Nella vita ho fatto un po’ di cose, e devo essere grato per l’accoglienza da parte dei tifosi. Grazie agli sponsor, ai partner. Io ho un progetto complesso e ambizioso”. Queste le prime parole di Iervolino da presidente della Salernitana. “Un cambiamento da portare nel mondo del calcio – ha detto l’imprenditore fondatore di Uni Pegaso -. Io amo le sfide, e spero di lasciare la mia impronta anche in questo settore. Vogliamo una squadra osmotica con il territorio, legata alle attenzioni del territorio: dal museo al centro sportivo. La squadra e i dirigenti hanno fatto un ottimo lavoro (da Marchetti a Fabiani). Il problema è che non hanno parlato al link dell’amore. Non si può parlare poco e male con giornalisti e tifosi, quindi metterò insieme tutto ciò che c’è di buono per fare in modo che la squadra sia sana. Bisogna creare trasparenza verso tifosi, ripudiando la tifoseria aggressiva e criminalità. L’ex ds Fabiani ha fatto un grande lavoro in questi anni ma gli rimprovero di non aver mai creato un rapporto coi tifosi”.

Iervolino si è espresso anche su Franck Ribery: “Ha 38 anni e non rappresenta il futuro della Salernitana. Questo lo capisce bene. Però, da qui a fine campionato sarà fondamentale e lo immagino con noi anche nella prossima stagione. Lo adoro: ha carisma, è un vincente e sa dettare i tempi di gioco. Punteremo comunque su di lui”. Dell’ex proprietario granata, Iervolino non vuole parlarne: “Lotito non lo conosco, non l’ho sentito nemmeno dopo la firma e il mio arrivo alla Salernitana”. Chiosa finale su Mario Balotelli, accostato a gennaio proprio al cavalluccio marino: “Mi interessa puntare sui giovani, a me non piace buttare i soldi, non vogliamo le figurine. Sui calciatori ne parliamo con Sabatini. Qui c’è bisogno di energia, cuore, gamba. Certo, anche esperienza, ma vedremo con Sabatini il da fare“.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA