Neymar: “La mia vita è un caos perfetto. Spero che gli hater possano cambiare idea su di me”

A fine mese uscirà il documentario Netflix sulla vita di Neymar e il giocatore spera che gli hater possano finalmente cambiare idea su di lui. La serie “The Perfect Chaos”, suddivisa in tre parti e diretta da David Charles Rodriguez, offre uno sguardo sulla vita del centravanti del Paris Saint-Germain fuori dal campo e sulle operazioni di marketing gestite da suo padre.

Neymar: “Spero che gli hater possano cambiare idea su di me”

Il 29enne è stato spesso oggetto di pesanti critiche per il suo comportamento in campo, ma anche per la sua forma fisica e il suo essere festaiolo. Ma il brasiliano, come confessa a ESPN, spera che finalmente emerga chi è veramente e che i tifosi possano cambiare idea su di lui: “Coloro che mi conoscono, sanno chi sono e questo è ciò che conta per me. Per quanto riguarda coloro che non mi conoscono e parlano solo male di me, li metto da parte, ma spero che possano ancora guardare questo documentario e spero che possano cambiare la loro idea o l’immagine che hanno di me, e io spero che possano imparare ad apprezzarmi, anche solo un po’”.

Neymar

Neymar, all’inizio di questa stagione, si era lamentato di non ricevere il rispetto che merita dai media e dai fan della sua terra natale. O Ney ha confessato in passato che le critiche gli hanno fatto mettere in discussione la sua carriera, ma ora si è reso conto che la sua vita va bene così com’è. 

E il titolo del documentario “The Perfect Chaos” è un riflesso della sua vita: “Il caos perfetto perché la mia vita è sempre stata così, sin da quando avevo 6 mesi e ho avuto un incidente con i miei genitori e beh, è ​​lì che è iniziato il caos. Ma in tutto questo caos, le cose sono andate perfettamente perché ho una vita molto bella, e sono molto grato per tutto, per la mia famiglia, per tutti i miei amici, per tutto ciò che Dio ha fatto nella mia vita e beh, questo è perché penso che questo titolo sia perfetto perché ho avuto molti problemi, ma le cose sono andate bene”.

Neymar

Neymar conclude spiegando che deve fare i conti quotidianamente con molta pressione ma la sua forza mentale lo ha aiutato ad avere successo: “Devi avere la testa dritta, in modo da non cadere o sgretolarti. La famiglia e gli amici sono importanti, ma anche i miei compagni di squadra. Sono sempre dietro di me in modo che quando ho una giornata triste possono aiutarmi. Ora penso di essere forte. Sono un uomo forte, non solo fisicamente ma anche nella testa perché devo fare i conti con tanta pressione. Ho dovuto lavorare molto per farlo e penso che questa sia l’altra cosa davvero buona di me, che non solo posso giocare a calcio, ma mi sono concentrato anche sulla mia salute mentale”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA