Stati Uniti-Honduras, temperature glaciali e 2 giocatori fuori per ipotermia: è polemica

Gli Stati Uniti battono l’Honduras per 3-0 nella gara valida per le qualificazioni ai Mondiali 2022, ma non mancano le polemiche a causa delle condizioni meteorologiche avverse. La squadra dell’America Centrale ha raggiunto gli avversari a Saint Paul, in Minnesota, dove la temperatura era ben al di sotto dello 0. Una scelta incomprensibile, dato il freddo glaciale che ha colpito il trentaduesimo Stato federato degli USA. 

Stati Uniti-Honduras, temperature glaciali e 2 giocatori fuori per ipotermia

Tutti i giocatori sono stati costretti a scendere in campo con sciarpe e altri indumenti per coprirsi dal freddo intenso. Ma per gli atleti dell’Honduras, non abituati a quelle condizioni climatiche, resistere è stato davvero complicato. Tanto che due giocatori sono stati costretti a lasciare il campo all’intervallo. Il portiere dell’Honduras Luis Lopez e l’attaccante Romell Quioto hanno dovuto abbandonare la partita per ipotermia

Il CT Hernan Dario Gomez ha condannato la decisione di giocare con un clima glaciale già prima della partita: “Non è normale. È inconcepibile che un potere in tutti i sensi ti porti qui per giocare e ottenere un risultato. La partita non è iniziata, ma non vedo l’ora che finisca. Perché non siamo qui per divertirci, siamo qui per soffrire”. 

Ma ha condannato la scelta anche nel post match, quando ha aggiornato la stampa sulle condizioni dei suoi giocatori. Lopez, secondo quanto riferito, quando la partita è finita era ancora in cura negli spogliatoi. Il suo compagno di squadra, Quioto, soffriva di sintomi di ipotermia, ma le sue condizioni erano meno gravi. La temperatura ha raggiunto anche picchi di -25 gradi Celsius, ma non si è mai pensato di annullarla o di scegliere un’altra sede. 

Gregg Berhalter, Ct degli Stati Uniti, ha difeso la decisione della sua federazione di organizzare la partita in Minnesota e di non sospenderla: “Quello che direi è che abbiamo fornito all’Honduras, al suo staff e agli arbitri abbigliamento per la stagione e abbiamo cercato di creare un ambiente sicuro in cui giocare. Anche noi andiamo in quei paesi dove ci sono 32 gradi con il 90% di umidità e i ragazzi si disidratano, hanno crampi e colpi di calore, questa è la natura della nostra competizione”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA