Eriksen non vede l’ora di tornare a giocare: “È un miracolo, non ho paura”

Non sembra ancora imminente, ma a grandi passi si sta avvicinando il ritorno in campo di Christian Eriksen, ad ormai 8 mesi da quel maledetto giorno in cui durante la sfida tra la sua Danimarca e la Finlandia ad Euro 2020 venne colpito da un arresto cardiaco. L’operazione, l’ombra del ritiro, la lenta riabilitazione. Poi l’obbligata rescissione con l’Inter a Dicembre e l’accordo con il Brentford, squadra con cui si allena dall’inizio del 2022. Il centrocampista danese, in un’intervista alla BBC, ha raccontato le sue sensazioni, tra la voglia matta di tornare a giocare una vera partita e la gratitudine verso tutti coloro che l’hanno aiutato in questo difficilissimo periodo.

Eriksen pronto a tornare

Le regole della Serie A non permettono di scendere in campo a chi ha necessita di un Impiantator Cardioverter Defibrillator, l’apparecchio che da quasi 8 mesi è stato impiantato nel cuore di Christian Eriksen. Per questo il danese ha dovuto trovare una nuova squadra nel cui campionato non esistono restrizioni a riguardo. Ed il Brentford, club di Premier League, non ci ha pensato un attimo a puntare su di lui. Il giorno del rientro in campo si avvicina, ed il centrocampista ha parlato del suo stato d’animo in un’intervista alla BBC.

eriksen

È stato e sarà ancora un lungo percorso, giorno dopo giorno. Sembra che il mio ritorno in campo si stia avvicinando e aspetto paziente il momento giusto“, ha detto Eriksen a BBC Sport. “Sarà speciale poter tornare in campo e giocare di nuovo una partita dopo quanto è successo. Sarà fantastico“. Il danese pensa che un suo rientro possa essere considerato un miracolo: “Sicuramente, lo è“, ha risposto. “Essere in uno stadio, giocare una partita, mi prenderò tutta l’emozione e l’adrenalina“.

messaggio di Kjaer per Eriksen

Non ho paura – ha continuato Eriksen – non sento il mio defibrillatore, so che se viene colpito è abbastanza sicuro. Non ho paura delle sfide future”. Il centrocampista ha anche ringraziato tutti coloro che lo hanno aiutato a riprendersi e a tornare a giocare: “Voglio mostrare la mia gratitudine. Alle persone intorno a me, ai compagni di squadra, ai medici in campo, ai medici di squadra e ai paramedici in ospedale. Sono molto fortunato, se non ci fossero stati loro non sarei qui“.

medico Danimarca

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA