Crisi Russia-Ucraina, stampa inglese: “Finale Champions si sposta a Londra”.  Uefa smentisce, per ora

“La finale di Champions League non si giocherà più a San Pietroburgo”. Ne era ormai convinta la stampa inglese ma la UEFA, per ora, smentisce. L’escalation della crisi tra Russia e Ucraina potrebbe costringere l’organo di governo del calcio europeo a cambiare la sede dell’ultimo atto della competizione continentale, ma al momento non è stata presa alcuna decisione. 

Crisi Russia-Ucraina, stampa inglese: “Finale Champions si sposta a Londra”.  Uefa smentisce, per ora

La finale di questa stagione è in programma alla Gazprom Arena di San Pietroburgo il 28 maggio ma, secondo quanto riferito dai media oltremanica, la UEFA stava valutando la possibilità di spostare la sede. L’organo di governo del calcio europeo, riferisce sempre la stampa britannica, avrebbe ricevuto pressioni per impedire alla Russia di ospitare l’evento dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha riconosciuto l’indipendenza delle regioni separatiste di Donetsk e Luhansk, velocizzando la crisi. 

Champions League estiva

I media inglesi affermavano che la sede era già stata spostata da San Pietroburgo a Wembley. La UEFA, però, si è affrettata a smentire. L’organo di governo del calcio europeo ha rilasciato una dichiarazione negando che fosse così: “La UEFA segue costantemente e da vicino la situazione. Al momento, non ci sono piani per cambiare la sede”.

Nonostante la smentita, The Guardian afferma che la “situazione è fluida” e che i funzionari UEFA stanno già “considerando piani di emergenza”. Julian Knight, presidente del comitato ristretto di Digital, Cultura, Media e Sport, ha chiesto alla UEFA di impedire alla Russia di organizzare la finale: “È qualcosa che deve essere considerato dato questo nudo atto di aggressione – ha detto a The Telegraph – Fare ospitare un evento così importante invia tutti i messaggi sbagliati”.

L’organo di governo del calcio in Europa ha già adottato diverse misure in questa stagione per evitare potenziali conflitti. I club russi e quelli ucraini sono stati tenuti separati nei sorteggi per le competizioni europee.

Se la sede dovesse essere modificata, sarebbe la terza volta di fila che accade. Nel 2020 era prevista a Istanbul ma, a causa del coronavirus, era stata organizzata una final Eight a Lisbona. Nel 2021, l’ultimo atto tra Chelsea-Manchester City venne spostato da Istanbul a Porto. La Turchia aveva inserito nella lista rossa di viaggio il Regno Unito, il che avrebbe impedito ai tifosi di recarsi nel paese. Wembley, invece, ha ospitato l’ultima volta la finale di Champions League nel 2013, quando il Bayern Monaco ha battuto il Borussia Dortmund 2-1.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA