Ennesimo ko per il Tottenham, Conte: “Inaccettabile, parlerò con il club e valuterò il mio futuro”

La vittoria per 3-2 del Tottenham sul Manchester City era stata vista come un potenziale punto di svolta per il club londinese. Gli Spurs puntano ad arrivare tra le prime quattro della Premier League e i tre punti contro la capolista avevano dato fiducia ad Antonio Conte e alla sua formazione. Ma dopo la sconfitta contro il Burnley delle scorse ore il tecnico italiano si è dovuto ricredere. Il Tottenham ha perso quattro delle ultime cinque partite di campionato e l’ex Inter, nell’intervista post partita, è apparso piuttosto frustrato. 

Ennesimo ko per il Tottenham, Conte: “Inaccettabile, parlerò con il club e valuterò il mio futuro”

L’allenatore ha messo in dubbio le sue capacità e ha fatto sapere di essere pronto a parlare del suo futuro e di un possibile addio: “Devo parlare con la società. Sono troppo onesto per chiudere gli occhi e continuare in questo modo, ma anche per prendere il mio stipendio. Voglio prendermi le mie responsabilità. Sono aperto ad ogni decisione perché voglio aiutare il Tottenham. Quattro sconfitte nelle ultime cinque partite, questa è la prima volta nella mia vita che si verifica questo tipo di situazione. È inaccettabile. Sono arrivato per cercare di migliorare la situazione, ma forse in questo momento non sono così bravo a migliorarla. Sto cercando di fare di tutto, ma la situazione non sta cambiando”.

conte batte i pugni col tottenham

Conte ha ribadito il concetto anche in un’intervista a talkSPORT, e ha descritto la partita contro Burnley come un disastro: “Questo è un disastro. È un disastro per un club come il Tottenham. Significa che purtroppo non sta andando nel migliore dei modi. Devo parlare con il club. Sono disponibile, sono aperto. Di sicuro, non posso accettare questo tipo di situazione. Non mi piace perdere le partite di fila in questo modo”.

Tottenham Conte-mania

Il tecnico italiano è arrivato a Londra a novembre per sostituire l’esonerato Nuno Espirito Santo. Solo una settimana fa, Conte si era lamentato della perdita di giocatori come Dele Alli e Tanguy Ndombele nella finestra di mercato di gennaio e dell’acquisto di giocatori “non pronti” come Dejan Kulusevski e Rodrigo Bentancur. L’allenatore aveva inoltre sottolineato che a gennaio il club ha dovuto dire addio a 4 giocatori ma ne ha accolti solamente 2.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA