De Zerbi: “Potevo andar via ma non volevo abbandonare la squadra. Stanotte svegliati dalle bombe!”

Nella notte è partito l’attacco della Russia all’Ucraina, bombardata anche Kiev dove risiede Roberto De Zerbi. Lui e tutta la squadra dello Shakhtar Donetsk sono rimasti bloccati in un hotel a Kiev, senza possibilità di uscire e di tornare a casa. Il tecnico italiano intervistato dall’agenzia di stampa Italpress, ha fatto il punto della situazione.

De Zerbi: “Svegliati dalle bombe”

Sto in camera, è una brutta giornata comincia così l’intervista di De Zerbi -. Ho aspettato a lungo che la federazione sospendesse il campionato, fin da quando è successo quel che è successo col Donbass però non mi sono mosso, perché io sono qui per fare sport e non potevo girare le spalle al campionato, ai tifosi che ci seguono. Ho tredici ragazzi brasiliani e il mio staff, potevamo tornare a casa almeno fino a quando non ci fosse stata sicurezza, ma no, abbiamo aspettato e stanotte ci hanno svegliato le esplosioni. Stamattina hanno sospeso il campionato e dalle finestre dell’hotel Opera abbiamo visto file di auto che si muovevano, credo stessero andando in Polonia”.

De Zerbi spiega il motivo della sua permanenza a Kiev: L’Ambasciata italiana ci aveva sollecitato ad andarcene ma non potevo, ripeto, io uomo di sport, girare le spalle al club, al calcio e andarmene così. E alla fine hanno chiuso lo spazio aereo e si sta qui: non credo che siamo a rischio, almeno per ora. Sono venuto qui per fare sport, davvero, e mi armo di pazienza. Non sono venuto per soldi, me ne offrivano di più in Italia, ma per fare esperienza …E ora aspetto. È un’esperienza – triste – anche questa. Penso al grande Maradona che quando ce n’era bisogno diceva quel che pensava ai padroni del calcio”.

De Zerbi: “Rifarei le stesse scelte”

Il tecnico ex Sassuolo ha parlato anche a Sky: Siamo tutti in hotel, la situazione è precipitata da stamattina. Fino a ieri sera siamo rimasti che il campionato sarebbe dovuto ripartire e così non è stato. Ci siamo svegliati in malo modo con delle esplosioni. Stiamo bene, la situazione è tesa perché c’è preoccupazione. Cerchiamo di avere contatti con le nostre ambasciate per capire il da farsi. L’Ambasciata italiana è stata correttissima e tempestiva, il console italiano ci sta dando grande sostegno e vicinanza. Non era nostra intenzione fare gli eroi, siamo qui per fare il nostro lavoro che è il calcio, ma abbiamo giocatori che hanno già vissuto il 2014 nel Donbass. Finché il campionato non fosse stato sospeso trovavamo ingiusto partire. Rifarei la stessa scelta, ora la situazione è diversa e il calcio è sospeso. Stiamo cercando il modo per andare via“.

Quando il giornalista gli chiede se ha paura, De Zerbi risponde: “No, ma le preoccupazioni sono tante, mi preme di più per la mia famiglia che è a casa ed è preoccupata così come le famiglie dei giocatori. Loro mi vedono come quello più grande che dovrebbe tutelarli ma adesso faccio fatica io stesso a dirgli cosa fare, alcuni sono molto giovani”. Sulla questione politica non si è voluto sbilanciare: “Non faccio il politico e non intendo farlo, farò calcio finché ho la possibilità di farlo perché è la mia vita. Per il resto guardo da cittadino, non da uomo di calcio. Tutto questo riguarda la gente normale. La cosa brutta è che ci sono due gruppi di giocatori, gli ucraini sono le vere vittime. Noi andremo via, loro invece restano qui e sono colpiti in prima persona. Questo mi tocca molto. Nell’altro gruppo ci sono ragazzi molto giovani in balia degli eventi”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA