Lo strano caso Bielsa: esonerato per il flop del Leeds ma giocatori, tifosi e colleghi sono con lui. Da Guardiola a Conte messaggi al Loco

Il Leeds è 16° in classifica a +2 dalla zona retrocessione, per questo motivo la società ha esonerato Marcelo Bielsa dopo i pesanti ko con Tottenham (4-0) e Liverpool (6-0) e ha dato la squadra in mano allo statunitense Jesse Marsch, ex di Red Bull Salisburgo e Lipsia. Tuttavia, i giocatori dei Peacock, i tifosi e persino i colleghi di Bielsa si sono schierati dalla sua parte criticando la scelta della società.

Bielsa esonerato dal Leeds ma amato dai tifosi

Quando nel 2018 Bielsa arrivò in Inghilterra, la squadra giocava in Championship (serie B inglese) ed era tredicesima in classifica. Il Loco ha portato fin da subito gioco e risultati che hanno permesso ai whites di chiudere la stagione al terzo posto, con la promozione sfuggita all’ultimo momento. La stagione successiva, però, Bielsa è riuscito a vincere il campionato riportando il Leeds in Premier dopo 16 anni. Un risultato storico, tanto quanto quello della scorsa stagione, quando la squadra ha chiuso il campionato al nono posto, assicurandosi il punteggio più alto di una squadra neopromossa in Premier League dalla stagione 2000/01. Quest’anno ci sarebbe dovuto essere un ulteriore level up ma qualcosa è andato storto e la squadra si è ritrovata impantanata nella zona salvezza. A farne le spese è stato Marcelo Bielsa che è stato esonerato tra l’infelicità generale.

Lo stesso patron del Leeds, Andrea Radrizzani ha ammesso: “Questa è stata la decisione più difficile che ho dovuto prendere durante il mio mandato al Leeds United, tenendo conto di tutto il successo che Marcelo ha avuto con noi. Con lui in panchina abbiamo avuto stagioni incredibili: ha cambiato la cultura del club e ha portato in tutti noi una mentalità vincente. La promozione in Premier League vivrà ovviamente a lungo in tutti i nostri ricordi, me e i tifosi compresi. Devo agire però nel migliore interesse del club e credo che ora sia necessario un cambiamento per garantire il nostro posto in Premier. I risultati e le prestazioni recenti non hanno soddisfatto le nostre aspettative. Io e tutti gli altri del club vogliamo ringraziare Marcelo per i suoi sforzi e risultati e gli auguriamo il meglio per il futuro“.

Bielsa col patron del Leeds Radrizzani

I tifosi sono scesi in strada a protestare, ritenendo la carente campagna acquisti il vero motivo del flop stagionale. I supporters inglesi non dimenticano di quando Bielsa ha convinto i giocatori a tagliarsi gli stipendi per pagare lo staff durante la pandemia. Il tecnico argentino è amato soprattutto per la sua semplicità, per essere un uomo del popolo. Era frequente infatti vederlo in metro o gironzolare per le strade di Leeds concedendo selfie a chiunque glielo chiedesse E poi è diventato memorabile il suo outfit alla serata di gala per i 100 anni del club quando si presentò in tuta e scarpe da ginnastica.

I messaggi di Phillips, Guardiola e Conte

Tantissimi i messaggi d’affetto sui social, anche dai giocatori dei Peacocks, come Kalvin Phillips, che sotto la guida di Bielsa ha conquistato la nazionale inglese: “Grazie Marcelo per tutto quello che hai fatto per me. Hai visto in me quello che nemmeno io vedevo in me stesso. Mi hai fatto crescere come calciatore ma soprattutto come uomo. Ti auguro il meglio per il nuovo capitolo della tua avventura“.

Messaggi di solidarietà anche dai colleghi: “Mi dispiace molto per Bielsa – ha dichiarato Guardiola in conferenza stampa -. Ha lasciato una bella eredità in città, nel club e anche nei giocatori. Purtroppo come allenatori siamo soggetti ai risultati e ultimamente non sono stati buoni. Ma nelle sue quattro stagioni è stato spettacolare, gli auguro il meglio“. Anche Conte ha detto la sua sulla questione: “È una notizia che mi ha colpito, sono molto dispiaciuto perché parliamo di un maestro di calcio, che ha insegnato molto a tanti allenatori, sia in passato che oggi. Quando ho letto la notizia del suo esonero mi ha fatto male perché stiamo parlando di un allenatore che ha un’idea di calcio che mi piace. Ho il massimo rispetto per lui, soprattutto a livello umano, perché ha dimostrato grande integrità in ogni situazione: non è facile nel mondo del calcio trovare persone di questo tipo”.

Guardiola stringe la mano a Bielsa

Inevitabili le dichiarazioni anche di Lele Adani, suo vecchio fan, alla Bobo TV su Twitch: “Parliamo della figura più importante del calcio contemporaneo, di un profeta. Non è così interessante che non alleni più, la sua filosofia verrà tramandata in eterno. E non lo diciamo noi quattro (riferendosi a Vieri, Cassano e Ventona, ndr), lo dice il calcio stesso. Guardiola lo ha definito ‘un dono’. La gente va in pellegrinaggio per dargli la mano. Nessuno è stato fortunato come l’attuale presidente del Leeds Radrizzani: era 13esimo quando è arrivato Bielsa. Fa terzo posto, poi domina il campionato e l’anno dopo nono in Premier. Oggi è salvo, con una squadra che ha tre giocatori nuovi rispetto a quelli della Championship. Il Monza ha speso di più del signor Radrizzani per rinforzare la squadra. Bielsa non ha niente da dire a Radrizzani, parla col popolo, pratica un calcio di valori che arriva al cuore delle persone”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA