Uruguay, arbitri sospendono campionato: troppe minacce, vogliono ottenere garanzie

L’Associazione uruguaiana degli arbitri di calcio (AUDAF) sospende il campionato del paese sudamericano. Gli ufficiali di gara non scenderanno in campo a causa delle continue minacce ricevute e non si presenteranno finché non otterranno delle garanzie. 

Uruguay, arbitri sospendono campionato: troppe minacce

La protesta nasce dopo la quinta giornata del campionato di apertura della Primera División Profesional dell’Uruguay e, in particolare, dopo quanto successo nel match tra Peñarol e Danubio. Allo stadio Jardines Del Hipódromo infatti, un uomo è sceso in campo al termine della partita per minacciare il quartetto arbitrale guidato da Gustavo Tejera. Il direttore di gara ha sporto denuncia nella Sezione 16 e la persona è stata identificata e arrestata.

Questo episodio si aggiunge all’atto di violenza che l’assistente Martín Soppi ha dovuto vivere. Soppi era stato designato come primo assistente di Christian Ferreyra nella partita che si sarebbe dovuta giocare tra Nacional e Montevideo City Torque al Gran Parque Central, ma dopo aver ricevuto minacce da presunti tifosi del Nacional, ha chiesto il ritiro della designazione.

uruguay

Una situazione che ha innescato la protesta dell’AUDAF. Dopo un incontro Zoom, in cui è stato raggiunto un accordo all’unanimità, l’Associazione ha annunciato che gli arbitri non scenderanno in campo finché non otterranno delle garanzie. La decisione di interrompere l’attività sportiva giunge, quindi, come conseguenza di una reiterazione di atti violenti.

Le partite previste per il weekend sono quindi sospese. I membri del sindacato degli arbitri, come chiarito in un comunicato pubblicato sul profilo Twitter ufficiale dell’Associazione, cercheranno di trovare una risposta ferma e importante dai vertici della Federcalcio uruguaiana:AUDAF non ammette e non ammetterà alcun tipo di dichiarazione, minaccia o aggressione che coinvolga i nostri associati o la nostra attività”. I rappresentati di AUDAF, come chiarisce El Pais, incontreranno sicuramente i dirigenti della Federcalcio per cercare di ottenere le garanzie dovute. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA