Abramovich squalificato dalla Premier, ma trova accordo con il governo: potrà vendere il club

Roman Abramovich è stato ufficialmente squalificato dalla Premier League e non è più il presidente del Chelsea. Il magnate, però, avrebbe trovato un accordo con il governo inglese per cedere il club. Il 55enne avrà solamente 10 giorni di tempo per le operazioni di vendita. 

Abramovich squalificato dalla Premier, ma trova un accordo con il governo per la vendita del club

L’oligarca, alcuni giorni fa, è stato sanzionato dal governo del Regno Unito e tutti i suoi beni nel Paese oltremanica sono stati congelati. Una decisione presa a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina e a causa dello stretto legame tra l’imprenditore e Vladimir Putin. Ora, anche la massima serie inglese ha deciso di esporsi e di squalificare Abramovich.  

Premier-sospende-le-trasmissioni-in-Russia

A renderlo noto è la stessa Premier League che, dopo essersi riunita in consiglio, ha annunciato la decisione attraverso un comunicato ufficiale: “A seguito dell’imposizione di sanzioni da parte del governo del Regno Unito, il consiglio della Premier League ha squalificato Roman Abramovich dalla carica di direttore del Chelsea Football Club. La decisione del Cda non incide sulla capacità del club di allenarsi e giocare le sue partite, come previsto dai termini di una licenza rilasciata dal Governo che scade il 31 maggio 2022”.

Secondo le regole della Premier, la squalifica comporterebbe normalmente la vendita della partecipazione del soggetto nominato “entro i 28 giorni”. Una regola che non può essere applicata nel caso di Abramovich a causa delle sanzioni governative e dei beni congelati.

abramovich urlo di munch

Il magnate però, secondo quanto riportato dal Daily Telegraph, avrebbe raggiunto un accordo con il governo inglese per cedere il club. L’imprenditore avrebbe una decina di giorni per completare la vendita della società. Il 55enne avrebbe infatti comunicato a The Rain Group, banca statunitense che si occupa della cessione del club, di riattivare le operazione di vendita ma avrebbe anche detto ai potenziali acquirenti che hanno tempo fino a venerdì per confermare il loro interesse.

Il magnate vorrebbe poi richiedere un’ulteriore licenza da parte del governo per procedere alla vendita effettiva, che sarà concessa solamente in un caso: quando ci sarà la conferma che nelle tasche di Abramovich non finirà un solo centesimo derivante dall’affare.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA