Vardy ammette: “Ho cercato di comprare un pinguino da tenere in giardino”. Critiche dalla PETA

Jamie Vardy sotto accusa. Piovono critiche sul giocatore del Leicester, non per le sue prestazioni in campo ma per una dichiarazione rilasciata qualche giorno fa. L’attaccante e la moglie Becky hanno scritto e pubblicato un libro per bambini, chiamato “Cedric the Little Sloth with a Big Dream” (Cedric il Piccolo Bradipo con un Grande Sogno). Le affermazioni fatte dal 35enne durante la presentazione del libro sono state però criticate dagli attivisti di PETA.

Vardy ammette: “Ho cercato di comprare un pinguino”. Critiche dalla PETA

Vardy, è noto, è un grande amante degli animali. Il 35enne possiede quattro cani e 11 polli, ma voleva ingrandire la famiglia, comprando un pinguino. L’attaccante, rispondendo ad alcune domande durante il lancio del libro, ha ammesso infatti di aver cercato di comprare il famoso uccello marino che vive principalmente nelle regioni antartiche.

Il giocatore voleva acquistarlo per tenerlo in giardino ma, con grande amarezza, ha scoperto che non era possibile acquistare queste creature: “Lo so che sembra strano, ma ho cercato di capire come si fa a comprare un pinguino da tenere in giardino. Sono così carini”. L’affare, però, non è mai andato in porto. Niente pinguino dunque, ma durante le sue ricerche ha scoperto come si fa a comprare animali esotici: “Alla fine non l’ho comprato, ma mentre cercavo di farlo ho scoperto come si fa a comprare giraffe e altri animali esotici in maniera legale”. 

vardy vincita casino

Dichiarazioni che hanno sollevato un polverone. Le sue parole, infatti, non sono piaciute agli attivisti di People for the Ethical Treatment of Animals. Elisa Allen, direttrice di PETA UK, organizzazione no-profit a sostegno dei diritti animali, ha criticato e rimproverato pubblicamente l’attaccante del Leicester: “Sicuramente Vardy sa che i pinguini non sono giocattoli oppure ornamenti da giardino. La vendita di animali esotici è una delle maggiori fonti di guadagno da parte di criminali in tutto il mondo e chi ne paga il prezzo sono gli animali stessi”. Una bella strigliata per il giocatore, che dovrà rinunciare al pinguino ma anche alle giraffe.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA