Thiago Silva tra duro lavoro, dieta e camera iperbarica: “Spero di giocare fino a 41 anni come Maldini”

Thiago Silva racconta di come gestisce riposo, recupero e preparazione alle partite per poter continuare a giocare ad alti livelli con il suo club e rappresentare la nazionale brasiliana ai Mondiali in Qatar del 2022.

Thiago Silva sulle orme di Maldini

Thiago Silva svela il segreto che sta dietro alla sua longevità calcistica in un’intervista sul canale ufficiale del Chelsea. Il difensore brasiliano compirà 38 anni a settembre e non ha ancora intenzione di lasciare il calcio giocato ad alti livelli nonostante il suo contratto con i Blues sia in scadenza quest’estate. Da quando a 20 anni aveva contratto la tubercolosi mentre giocava in prestito in Russia, Thiago Silva è stato molto attento ai bisogni e alle prove a cui il suo corpo lo sottoponeva.

Durante i tre anni al Milan il difensore ha beneficiato del lavoro pionieristico del Milan Lab che aveva un programma finalizzato a prevenire gli infortuni piuttosto che a curarli. Il programma che ha aiutato Paolo Maldini a giocare ad alto livello fino a 40 anni e Thiago vuole seguire le sue orme, come ha ammesso recentemente: Spero di poter fare la stessa cosa che Maldini ha fatto al Milan, giocare fino a 40 o 41 anni. È il piano per il mio futuro e mi sono preparato per questo”.

Thiago Silva ai tempi del Milan nel 2011

Ha continuato l’ex Milan: Quando sei giovane pensi di essere un supereroe, giocheresti una partita al giorno, quindi in termini di recupero è molto più veloce, mentre ora 24 ore sembrano non bastare per recuperare. Devi essere sempre attivo e al passo con i nuovi metodi di recupero disponibili. Faccio molte cose a casa, come il lavoro di fisioterapia e seguo una dieta migliore di prima. Bisogna alimentarsi bene. Questo fa parte di ciò che devo fare in modo da poter ottimizzare il processo di recupero”.

Thiago Silva ha fatto installare una camera iperbarica nella sua casa per aiutarlo ad incrementare i livelli di ossigeno nel sangue e accelerare il recupero muscolare. Ha ammesso di usarla tutti i giorni ed è riuscito addirittura a convincere alcuni suoi compagni di squadra a comprarne una per loro.

Thiago Silva capitano del Psg nel 2020

Infine, ha parlato del passaggio al Chelsea negli ultimi anni della sua carriera: L’addio al Psg e l’arrivo al Chelsea? Non ero preoccupato, ma dopo otto anni in un club, stavo facendo una mossa molto importante in quella che teoricamente è la fine della mia carriera, almeno per molti giocatori. Tante persone avevano dubbi sul fatto che sarei stato in grado di giocare con gli stessi standard che ho avuto al Psg, ma non ho mai avuto dubbi su come mi sarei comportato per il club”.

“Mi sento come se avessi mantenuto il mio standard qui al Chelsea, tenendo presente che gioco ora nel miglior campionato del mondo. Ho lasciato un grande club ma sono entrato anche in un’altra grande società. Sono rimasto ad un livello elevato e sono davvero orgoglioso di come è andata, ma dietro c’è stato un sacco di duro lavoro per mantenere questi standard elevati”.

Thiago Silva con il Brasile al Mondiale del 2018

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA