Playoff Mondiali, Egitto denuncia Senegal: “Insulti razzisti e lancio di oggetti”. FIFA avvia un’indagine

La FIFA avvia un’indagine sul match tra Egitto e Senegal. Le due nazionali africane sono scese in campo nelle scorse ore per i playoff dei Mondiali. Sadio Mané e compagni hanno vinto per 3-1 ai rigori e si sono aggiudicati un posto per il Qatar, ma non sono mancate le polemiche. Gli egiziani, infatti, hanno presentato una denuncia contro il Senegal per il trattamento ricevuto a Dakar. 

Egitto denuncia Senegal, FIFA avvia un’indagine

Nel reclamo si afferma che i giocatori hanno ricevuto insulti razzisti, ma non solo. I tifosi hanno attaccato l’autobus dell’Egitto, ma hanno anche lanciato oggetti contro i calciatori durante il riscaldamento e nel post partita. Durante i rigori, inoltre, i giocatori sono stati accecati da laser verdi puntati su di loro.

egitto

A confermare la denuncia è la Federazione egiziana in una nota ufficiale: “La nostra squadra è stata fatta oggetto di insulti razzisti, anche con striscioni, in particolare contro Mohamed Salah. Inoltre i nostri giocatori sono stati terrorizzati dai tifosi senegalesi, che hanno scagliato contro di loro bottiglie e pietre mentre stavano effettuando il riscaldamento pre partita. All’arrivo allo stadio il nostro bus è stato attaccato. Tanti i vetri che si sono frantumati e che hanno provocato ferite. Il tutto è documentato da foto e video che alleghiamo alla denuncia”.

Fifa libera i calciatori stranieri

La FIFA, tramite un comunicato, ha fatto sapere di aver avviato un’indagine e ha promesso di esaminare i resoconti della partita prima di decidere i passaggi successivi: La FIFA sta attualmente analizzando i resoconti ufficiali della partita di qualificazione alla Coppa del Mondo FIFA tra Senegal ed Egitto. Le informazioni rilevanti contenute nei verbali di gara saranno valutate dagli organi disciplinari competenti prima di decidere i passi successivi da compiere”. 

Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente della Federcalcio del Senegal, Augustin Sengho, che è anche vicepresidente della confederazione calcistica africana: “Ovviamente ero allo stadio ma non ho visto alcun oggetto scagliato dagli spalti contro gli egiziani. E se davvero sono stati usati dei laser, è la prima volta che accade in Senegal, al contrario di quanto avviene in Egitto. Comunque ora attendiamo i risultati dell’indagine sull’accaduto”. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA