Sarri bastona Felipe Anderson: “Se giocasse al 100% non starebbe in Italia ma a volte sembra il guardalinee”

Dopo il tonfo nel derby, la Lazio sembra aver ritrovato la strada giusta dopo la vittoria contro Sassuolo e contro il Genoa. Proprio contro i liguri, i biancocelesti hanno vinto e convinto grazie soprattutto a una grande prestazione offensiva, con Ciro Immobile re indiscusso del lunch match con una tripletta. Chi, invece, non ha brillato è stato Felipe Anderson, croce e delizia di Maurizio Sarri che in (quasi) ogni intervista cerca di spronarlo a dare il meglio, ritenendolo uno dei giocatori potenzialmente più forti che ha la Lazio.

Sarri bastona Felipe Anderson

Se Felipe giocasse sempre al 100% non sarebbe alla Lazio, ma nemmeno in Italiaesordisce Maurizio Sarri ai microfoni di Sky Sport –. Ha qualità fisiche e tecniche straordinarie ma ha momenti altalenanti, a volte si assenta. A volte gli dico che sta facendo il guardalinee, però parlando con i ragazzi che ci avevano giocato insieme qualche anno fa mi dicono che è migliorato molto rispetto al passato, che i momenti down sono di meno rispetto a prima. Speriamo di riuscire a fargli tirare fuori il 100%, perché se concludesse la carriera senza averlo fatto sarei molto dispiaciuto, perché in lui vedo cose grosse“.

Felipe Anderson con la maglia della Lazio

Felipe Anderson: “Il gol contro l’Inter non c’entra niente…”

Felipe Anderson è stato acquistato dalla Lazio nel 2013, prelevato dal campionato paulista dove con Neymar formava la coppia d’oro del Santos. Cinque anni in biancoceleste, poi il rapporto con Simone Inzaghi si è incrinato e nel 2018 ha lasciato la Capitale italiana per raggiungere quella inglese. Tre anni al West Ham, poi il Porto dove ha giocato col contagocce, prima di tornare alla Lazio la scorsa estate. Dopo un buon girone d’andata, in quello di ritorno Pipe è completamente sparito, dopo il discusso gol con l’Inter. Intervistato da Lazio Style Radio dopo la vittoria col Genoa, ha dichiarato: “Ho avuto un piccolo calo fisico, non è stato dovuto all’episodio capitato in occasione del mio gol in Lazio-Inter. Sono tornato qui perché ho carattere, altrimenti non sarei tornato. In carriera ho avuto alcuni momenti difficili, ma ora voglio lottare e vincere con questa maglia“.

Il gol della discordia di Felipe Anderson con Dimarco a terra nel match d’andata Lazio Inter

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA