Allegri e la “pedata da uno dell’Inter” che non c’è mai stata: un video mostra la verità

L’accusa di Massimiliano Allegri, per giustificare la sua rabbia durante la finale di Coppa Italia, si è rivelata infondata tramite un video amatoriale che ha ripreso la scena in questione. Non c’è stata alcuna “pedata” da parte di un membro dello staff dell’Inter.

L’accusa di Allegri

La finale di Coppa Italia ha visto accendersi scintille sia dentro che fuori dal rettangolo di gioco. L’allenatore della Juventus Allegri è stato espulso durante il secondo tempo per un eccesso di rabbia dopo che era stato richiamato più volte dall’arbitro. Intervistato nel post partita il tecnico toscano si è giustificato dicendo che: “Sul gol dell’Inter è passato uno dello staff dell’Inter, non so chi fosse, e mi ha dato una pedata. Mi sono girato e mi sono arrabbiato… credo sia anche umano. Dopo dispiace, l’arbitro giustamente mi ha buttato fuori perché mi ha visto così”.

Massimiliano Allegri

Dopo il gol di Perisic che ha definitivamente consegnato la vittoria all’Inter, è scoppiata la furia di Allegri. Ripreso dalle telecamere, l’allenatore della Juve viene tenuto a stento dal suo staff e dai suoi giocatori mentre urla e si sbraccia indicando minaccioso qualcuno. A quel punto l’arbitro Valeri interviene ed estrae il cartellino rosso nei confronti del tecnico bianconero che, ancora alterato, lascia il campo di gioco.

La rabbia di Allegri
Il video dell’episodio

Un video emerso dai social ha però smentito l’accusa di Allegri. Dalla ripresa si vede infatti come Mario Cecchi, membro dello staff di Inzaghi, sia passato di fianco all’allenatore della Juventus dopo i festeggiamenti per il gol, avendo con lui un contatto minimo. Accorgendosi della reazione di Allegri, l’assistente è tornato indietro scusandosi ma è stato poi allontanato dal tecnico juventino che, infuriato, lo ha mandato “a quel paese”. Insomma, non proprio una bella figura quella fatta da Max.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA