L’imbarazzo di Carragher per un vecchio tweet su Manè: “Ora è il mio giocatore preferito”

Quando nel 2016 il Liverpool decise di sborsare 30 milioni di sterline per strappare Sado Manè al Southampton non furono pochi gli addetti ai lavori che storsero il naso definendo eccessiva la cifra pagata dai Reds. A distanza di 6 anni molte cose sono cambiate, e la totalità di coloro che criticarono quell’acquisto ha dovuto ricredersi: il senegalese è un pilastro della formidabile corazzata di Klopp e quei 30 milioni adesso sembrano decisamente un affare. Tra quelli che sollevarono dubbi sull’acquisto dell’attaccante c’era anche la bandiera di Anfield Road Jamie Carragher, il quale però oggi si trova quasi in imbarazzo per quanto dichiarò ormai 6 anni fa…

Carragher e quel tweet su Manè

Mi è piaciuto Mane al Southampton, ma penso che 30 milioni siano eccessivi…“. Si esprimeva così il 27 Giugno 2016 Jamie Carragher dopo l’annuncio dell’acquisto del senegalese da parte dei Reds. In questi sei anni molte cose sono cambiate, con l’attaccante che ha dimostrato non solo di valere ampiamente quella cifra, ma anzi che i 30 milioni sborsati dalla squadra di Klopp siano stati un vero e proprio affare. Così in tutta onestà l’ex difensore del Liverpool ha ammesso il suo imbarazzo per quel vecchio tweet.

Scrivendo nella sua colonna per il Telegraph, l’ex Liverpool ha ammesso il suo errore di valutazione: “Quel tweet non è invecchiato bene… Il fatto che il costo dell’accordo fosse per me preoccupante dimostra quanto non fossi consapevole di quanto fosse bravo Mane, la cosa mi imbarazza“. Carragher adesso è invece uno dei maggiori sostenitori del senegalese: “Potrebbe tranquillamente sfidare Benzema per il Pallone d’Oro. Ora è il mio giocatore preferito del Liverpool dell’era Klopp, e qualunque club abbia intenzione di acquistarlo dovrà passare sul mio cadavere…“.

Il buon Sadio Manè non ci ha messo molto a convincere tutti i suoi detrattori, Carragher compreso…

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA