Everton, presidente chiede scusa ai tifosi per gli errori sul mercato: 530 milioni di £ per non essere competitivi

L’Everton, dopo una stagione disastrosa, è riuscito ad ottenere la sofferta salvezza nella penultima giornata di Premier League. A distanza di poche settimane, sono arrivate le scuse del presidente Farhad Moshiri, che ha ammesso di aver commesso degli errori negli ultimi anni. L’uomo d’affari, in una lettera pubblicata sul sito ufficiale del club, ha riconosciuto di non aver speso i soldi in modo saggio.

Il Daily Mail, dopo le parole del 67enne, ha analizzato il caso Toffees, sottolineando che la società inglese dall’arrivo di Moshiri ha speso più di mezzo miliardo di sterline per non essere comunque competitiva. 

Everton, presidente chiede scusa ai tifosi

Dopo una stagione miserabile, il presidente ha scritto ai tifosi per scusarsi e ammettere di aver sprecato un mucchio di soldi: Sono stati commessi errori – ha confessato l’azionista di maggioranza, in un mea culpa senza precedenti – Ci impegneremo a non commettere più gli stessi errori, incluso il modo in cui non abbiamo sempre speso in modo saggio quantità significative di denaro”. 

Farhad Moshiri

I fan lo dicevano già da anni e finalmente, adesso, se ne è accorto anche Moshiri. Qualsiasi club può sbagliare sul mercato, spiega il tabloid britannico, ma l’Everton, dall’arrivo dell’imprenditore britannico-iraniano nel 2016, lo ha fatto su scala industriale.

Gli errori commessi dalla dirigenza Toffees

Nello specifico, sono stati spesi più di 530 milioni di sterline per 31 giocatori. In totale ne sono arrivati ​​43. Un livello sorprendente di investimenti, che è culminato però in una corsa al 16esimo posto. Mentre la maggior parte dei club al di fuori dei sei top club, ha cercato di scovare giocatori più giovani e aggiungere valore, l’Everton, per sei anni, ha fatto il contrario. Ha speso soldi come fosse un top club, ma a quanto pare senza considerare come ridurre il rischio e aumentare le possibilità di successo.

Giocatori dell'Everton

Bisogna considerare anche che i Toffees hanno sborsato milioni e milioni per moltissimi giocatori, che poi sono andati via a parametro zero. Altri acquisti, invece, hanno giocato a malapena o in un caso per niente, e ci sono stati tassi di assenza spropositati. Sicuramente il club non riuscirà a trovare una soluzione rapida per risolvere tutti gli errori commessi negli ultimi sei anni. 

Indubbiamente, l’allenatore Frank Lampard e il nuovo direttore sportivo dell’Everton Kevin Thelwell, saranno determinanti nel fornire miglioramenti. Sarà, però, un percorso molto lungo. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA