La ridicola simulazione di Martinez: rotola per metri in campo e poi alza lo sguardo ma l’arbitro vede tutto (VIDEO)

Di simulazioni penose, sui campi da calcio, se ne sono viste tante. Ma Douglas Martinez, attaccante del Sacramento Republic, ha voluto strafare. Negli Stati Uniti, nelle scorse ore, sono andati in scena i quarti di finale della Lamar Hunt U.S. Open Cup, la coppa nazionale di calcio degli Stati Uniti. La squadra di Sacramento, che milita nella USL Championship seconda divisione del calcio americano, è scesa in campo contro il LA Galaxy, uno dei club di maggior successo della MLS. 

La ridicola simulazione di Douglas Martinez

Al Dignity Health Sports Park di Los Angeles, il Sacramento Republic è passato subito in vantaggio grazie a un gol di Rodrigo Lopez, ma dopo meno di un quarto d’ora i padroni di casa hanno pareggiato grazie a un’autorete di Conor Donovan. La formazione di Paul Buckle alla fine, a sorpresa, ha battuto la squadra di Los Angeles, grazie al gol di Luis Felipe Fernandes. Il Sacramento conquista la scena statunitense grazie alla vittoria sui LA Galaxy, ma conquista la scena internazionale grazie al giocatore Douglas Martinez, o meglio, alla sua simulazione. 

Pochi minuti dopo che i Quails erano tornati in vantaggio, Martinez ha iniziato a inseguire una palla diretta verso la porta dei Galaxy e ha afferrato la schiena del difensore Nick DePuy per raggiungere il pallone. I due giocatori sono caduti, ma, mentre l’arbitro fischiava quello che sembrava essere un fallo a favore dei padroni di casa, Martinez ha messo in scena una simulazione da Oscar.

Improvvisamente, ha messo le mani sul viso e si è rotolato a terra teatralmente. Si è rotolato in campo per metri nel tentativo di ottenere il fallo, ma non è finita qui. Appena si è fermato, ha alzato lo sguardo per capire se la sua interpretazione avesse prodotto qualcosa. Nel frattempo, DePuy ha assistito esterrefatto alla scena e lo ha invitato ad alzarsi. 

Martinez

Recita da Oscar, ma non è servita

La recita dell’attaccante, comunque, non è servita anche perché l’arbitro ha assistito a tutto e, quando Martinez ha alzato lo sguardo se l’è ritrovato davanti. Il giocatore, a quel punto, è guarito miracolosamente e ha smesso di soffrire. Sfortunatamente per l’honduregno, non gli è stata assegnata una punizione per la sua prestazione da Oscar, ma di certo deve essere grato per non essere stato ammonito per la simulazione.

Le sue buffonate non sono servite, ma il suo Sacramento è riuscito comunque a vincere contro una delle squadre di maggior successo del Nord America e ha raggiunto la semifinale della US Open Cup. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA