Watford, l’ex presidente Elton John: “Sono un tifoso sfegatato. Quando perde si rovina il weekend”

Elton John è uno dei maggiori artisti del pop contemporaneo, ma forse in pochi sanno che è anche un grande appassionato di calcio e in particolare del Watford, club di cui è stato anche proprietario e presidente. All’età di sei anni, il cantante e compositore assiste alla sua prima prima partita a Vicarage Road e, da quel giorno, diventa un super tifoso del club dell’Hertfordshire.

Elton John ex presidente del Watford e ora super tifoso

Nel 1977, Elton John, che è già una diventato una rock star mondiale, rileva la società e ingaggia come allenatore Graham Taylor che, in sei anni, conduce gli Hornets dalla quarta divisione alla massima serie. Il Watford esordisce in Premier League nella stagione 1982-83, conquista subito il secondo posto dietro al Liverpool e un pass per la Coppa UEFA. Nel 1990 Elton John vende il club a Jack Petchey, nel 1996 lo riacquista e nel 2001 cede definitivamente la società. Il cantante, dunque, non è più il proprietario, ma rimane uno dei più grandi tifosi degli Hornets.

Il 75enne ha ribadito il suo amore per la squadra londinese in un’intervista a Sky Sports. L’artista ha parlato della stagione appena conclusa e della sofferta retrocessione in Championship: “Lo scorso anno è stato un disastro e siamo retrocessi. Solo Dio sa quante partite abbiamo perso in casa ed è una cosa che fa male, che ti rovina il weekend. Soprattutto ai tifosi che vanno allo stadio e si sentono delusi. Ma è ora di ricominciare di provare a tornare in Premier. Amo il Watford e i suoi tifosi, sono nel mio cuore e nella mia anima. Sono un tifoso sfegatato”.

Ultime date del tour a Vicarage Road

E le ultime due date del suo tour d’addio saranno proprio a Vicarage Road, per ringraziare il Watford e i suoi sostenitori: Volevo davvero fare i miei due ultimi show in Gran Bretagna a Vicarage Road, per ringraziare il Watford e tutti i suoi tifosi per l’amore e la gioia che mi hanno regalato sin da quando avevo appena sei anni. Non avrei mai pensato di diventare presidente o di arrivare in Premier League, abbiamo fatto tantissima strada assieme. Certo, il tifo è fatto di alti e bassi, ma amo la mia squadra. Non si può non amare qualcosa che si ha nel sangue”. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA