Bakayoko racconta la sua verità sul fermo: “Nel video non si vede tutto. Penso si sia andati oltre il dovuto”

Il video del suo fermo con relativa perquisizione ha fatto il giro del web, e dopo le parole del portavoce dell’Associazione Nazionale Funzionari di Polizia, Tiemouè Bakayoko ha voluto raccontare la sua versione dei fatti. E il centrocampista francese, con quattro storie pubblicate sul suo profilo Instagram, ha messo in discussione il metodo e i modi adottati dagli agenti.

La versione di Bakayoko

Bakayoko, fermato per le strade di Milano due settimane fa, ha polemizzato per il modus operandi adottato dalla Polizia, e spiegato l’accaduto secondo il suo punto di vista: “Errare è umano, non ho problemi con questo. Il modo e la metodologia utilizzati, però, sono per me ‘problematici‘. Penso che si sia andati oltre il dovuto. Perché non mi hanno semplicemente chiesto i documenti, comunicando in modo normale?“, si è domandato il centrocampista del Milan. “Nel video che è stato postato sui social non si vede tutto. Questa è la parte più tranquilla di quanto accaduto. Mi sono ritrovato con la pistola a un metro da me, sul finestrino lato passeggero. Hanno chiaramente messo le nostre vite in pericolo“.

bakayoko

“Non è accettabile”

Qualunque sia il motivo che li ha spinti a farlo – ha proseguito Bakayoko nelle sue storie Instagram – è un errore sapere di non avere certezze per i sospetti arrestati. Le conseguenze sarebbero potute essere molto più gravi se non avessi mantenuto la calma, se non avessi avuto la possibilità di far valere il lavoro che faccio e di essere riconosciuto in tempo. Quali sarebbero state le conseguenze? Mi avrebbero portato alla stazione di Polizia? Questo fa sorgere ancora una volta molte domande. Non è accettabile mettere così tanto in pericolo la vita di una persona“, ha concluso il francese.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA