Florenzi vede solo rossonero: “La Roma è il passato, ho voltato pagina”

Alessandro Florenzi è carico in vista della sua seconda stagione con la maglia del Milan. L’esterno romano, che ha pressato a lungo la dirigenza rossonera affinchè ne riscattasse il cartellino dalla Roma, ha parlato ai microfoni di Sky Sport dal ritiro austriaco della squadra di Pioli, chiudendo in qualche modo la sua lunga e travagliata storia d’amore con il club giallorosso, di cui è sempre stato tifoso. Adesso la sua testa è solo per il Milan.

Florenzi a tutto Milan

Il passato giallorosso non può certamente essere dimenticato, ma Florenzi adesso ha occhi solo per il Milan: “Ho lasciato con grande rammarico la Roma, ma ora è il passato, ho subito voltato pagina. Ringrazierò sempre per quello che è stato, ma adesso guardo al futuro“, ha detto l’esterno rossonero. Rimpianti, ma non troppo: “Avendo come idoli Totti e De Rossi avrei voluto fare tutta la mia carriera nella Roma, ma pur andando via non per mia volontà ho avuto la possibilità di conoscere altre città, culture e per questo sono cresciuto tanto“, ha aggiunto.

Florenzi Roma

L’importanza del gruppo

Messo da parte il passato giallorosso, per Florenzi ora la testa è tutta sul Milan: “Tante squadre si sono rinforzate, noi l’anno scorso abbiamo vinto con merito e ora proveremo a ribadire quanto fatto. Non sarà facile, non dobbiamo fare proclami e pensare partite per partite cercando di difendere quello che abbiamo conquistato l’anno scorso“, ha detto l’esterno rossonero. “Si è creato uno spirito di squadra, con 26 giocatori che spingono tutti dalla stessa parte. Non sempre vincono i più forti, ma ci sono tante sfaccettature che portano al risultato. Abbiamo fatto gruppo riuscendo anche a superare le difficoltà“.

Obiettivi

Sugli obiettivi della prossima stagione, il terzino della Nazionale è stato chiaro: “In campionato vogliamo di raggiungere la seconda stella, perchè dobbiamo pensare in grande. In Champions vogliamo migliorare l’anno scorso perchè tanti di noi non erano pronti. Quelle gare ci hanno insegnato molto”. Adesso si fa sul serio: “I giovani sono già cresciuti, anche l’acquisto di Origi è importante. Si farà rispettare, sembra avere tanto carattere e carisma. Anche Adli mi ha fatto una ottima impressione“, ha concluso.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA