Anche Sarri volta le spalle ad Acerbi: il difensore escluso dal ritiro in Germania

Oggi pomeriggio la Lazio ha raggiunto Grassau in Baviera per iniziare la seconda parte di ritiro. Tra i presenti, però, non figura Francesco Acerbi, lasciato a Formello a lavorare con gli altri esuberi. Dopo la rottura con l’ambiente è arrivata anche quella con Maurizio Sarri.

Acerbi escluso da Sarri resta a Formello

Che Acerbi fosse sul mercato era noto a tutti, ma che sarebbe finito ai margini della rosa probabilmente non se lo sarebbe aspettato neanche lui. Anche perché Sarri l’aveva convocato nella prima parte di ritiro ad Auronzo di Cadore e l’aveva anche difeso dalle contestazioni di alcuni tifosi durante una seduta di allenamento. Eppure, in Germania, il tecnico toscano ha deciso di non portarlo nonostante gli allenamenti a porte chiuse, quindi senza la presenza degli spettatori.

La scelta è stata dunque di natura tecnica: l’arrivo di Romagnoli (mancino come Acerbi) ha chiuso definitivamente le porte al numero 33. Una storia incredibile quella del difensore milanese, per anni perno della retroguardia biancoceleste e idolo della tifoseria. Almeno fino a quel maledetto Lazio Genoa del 17 dicembre 2021…

Cos’è successo tra Acerbi e la Lazio?

Come detto, il rapporto tra il difensore e la Lazio è sempre stato ottimo, almeno finché non si è incrinato il rapporto coi tifosi. Tutto è nato da un’intervista che Acerbi fece nel 2020 dal ritiro della Nazionale, lamentandosi della mancata proposta di rinnovo di contratto da parte del club. Lotito vistosi alle strette gli propose subito il prolungamento, spinto anche da Simone Inzaghi che lo riteneva un pilastro della sua difesa. Nella scorsa stagione le sue prestazioni sono calate ed è arrivato qualche fischio a cui Acerbi ha risposto malamente zittendo simbolicamente la curva con l’indice alla bocca dopo un gol al Genoa.

acerbi-zittisce-i-tifosi-dopo-il-gol-al-genoa
Acerbi zittisce i tifosi della Lazio dopo il gol al Genoa

Nell’intervista posta partita, il difensore ha gettato altra benzina sul fuoco affermando: Non me ne frega niente delle critiche“. Dichiarazioni che hanno siglato la definitiva rottura con l’ambiente biancoceleste. Frattura che è diventata insanabile dopo la sua risata beffarda al gol di Tonali al 92′ nel match contro il Milan. A nulla sono servite le pubbliche scuse e la lettera di chiarificazione.

Ora che anche Sarri gli ha voltato le spalle, Acerbi è rimasto completamente solo e l’unica soluzione plausibile resta la cessione. Il Milan aveva sondato il terreno, Inzaghi lo vorrebbe all’Inter, ma nessuno dei due club lombardi ha mai presentato un’offerta ufficiale. Si erano interessati anche Fiorentina e Napoli ma la richiesta di 5 mln da parte del club capitolino ha “spaventato” i due club che non vogliono investire quella cifra per un 34enne. Il tempo stringe e Acerbi ha le valigie in mano ormai da troppe settimane…

acerbi ride dopo il gol del milan
Acerbi ride dopo il gol del Milan

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA