Lo psicologo Jordet rivela il segreto del Liverpool sui rigori: “Utilizzano sempre la stessa strategia”

Liverpool e Manchester City si sono sfidati per la finale di Community Shield e, dopo 90 minuti agguerriti, sono stati i Reds di Jurgen Klopp a portare a casa il primo trofeo della stagione. La squadra del tedesco ha vinto grazie ai gol di Trent Alexander-Arnold, di Mohamed Salah e del nuovo acquisto Darwin Nunez. L’egiziano ha segnato dagli 11 metri e il suo rigore è stato analizzato da un famoso psicologo dello sport, Geir Jordet.  

Liverpool, l’importanza dei rigori

I tiri dal dischetto, per Jurgen Klopp, sono molto importanti. Per il tedesco non si tratta di un semplice rigorista che cerca di superare in astuzia il portiere, c’è molto di più. 

klopp

Tant’è vero che, come ha rivelato lo stesso tecnico, il club lavora al fianco di una società di neuroscienze, con sede nella sua terra natale, per cercare di perfezionare l’approccio ai rigori: “Lavoriamo insieme a un’azienda, sono quattro ragazzi, il loro nome è Neuro11 – ha detto Klopp a ESPN dopo la vittoria della finale di FA Cup – Ci hanno contattato due anni fa e hanno detto ‘possiamo aiutarvi sui calci di rigore’. E ho detto ‘sembra interessante, vieni’. Abbiamo lavorato insieme e questo trofeo è per loro come lo è stata la Carabao Cup”.

Il Liverpool ha vinto ai rigori la FA Cup e la Carabao Cup ma anche durante la finale di Community Shield non ha avuto problemi dagli 11 metri, Salah non ha commesso errori dal dischetto.

Lo psicologo svela il segreto dei Reds

Il famoso psicologo sportivo Geir Jordet ha analizzato il rigore dell’egiziano e ha svelato la tattica dei Reds pubblicando su Twitter una serie di immagini e delineando il ruolo svolto dai compagni di squadra. I Reds hanno protetto il rigorista da qualsiasi gioco mentale del Manchester City o da altre distrazioni.

L’analisi di Jordet mostra quanto siano preparati gli uomini di Klopp quando si tratta di calci di rigore: “Il Liverpool mantiene il suo approccio di squadra ai calci di rigore dalla scorsa stagione, dove isola e protegge il suo rigorista dai potenziali giochi mentali dell’avversario. Salah può quindi concentrarsi liberamente sul suo tiro. Quando i giocatori del City iniziano ad avvicinarsi al rigorista, Thiago ed Elliott corrono immediatamente per proteggere Salah. Thiago si prende cura di Ederson, mentre Elliott copre le spalle di Salah. Infine Thiago accompagna via i giocatori del City”.

Secondo Jordet, questa tattica è stata utilizzata già nella scorsa stagione e Jordan Henderson ha giocato un ruolo chiave: “Normalmente, Jordan Henderson è la principale guardia del corpo dei rigoristi del Liverpool, da solo o affiancato dai compagni di squadra. A volte, Henderson si è preso questa responsabilità da solo, come contro il Brighton”.

Nel match contro il City, il capitano del Liverpool è uscito a 17 minuti dalla fine ed è stato sostituito da Harvey Elliott. Il giovane esterno, però, ha subito capito il suo ruolo quando è arrivato il momento di difendere Salah. Questo prova che l’intera squadra di Anfield è a conoscenza di questa tattica ed entra automaticamente in azione ogni volta che viene assegnato un calcio di rigore:Il fatto che altri giocatori riescano a sostituire Henderson, mostra chiaramente che questa è una strategia di squadra. Sarà interessante seguirla”. Klopp e il Liverpool dimostrano, ancora una volta, di essere all’avanguardia. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA