La Juve acquista il 2004 Mancini con una maxi commissione alla famiglia? L’Aiacs protesta: “Illecito”

La Juventus continua a monitorare il mercato dei giovani, e dopo essersi assicurata in prestito con diritto di riscatto Michele Besaggio, ventenne trequartista del Genoa Primavera, sta perfezionando l’acquisto dal Vicenza dell’attaccante Tommaso Mancini, classe 2004, che dovrebbe arrivare a Torino per la non certo modica cifra di oltre due milioni di euro. Ma in aggiunta al cospicuo esborso economico per il cartellino a far discutere nelle ultime ore è l’indiscrezione secondo la quale i bianconeri avrebbero corrisposto una lauta commissione alla famiglia del giocatore. Una cosa illegale secondo l’Aiacs, l’Associazione Italiana Agenti Calciatori e Società, che ha protestato a gran voce attraverso un comunicato.

Acquisto Mancini con commissione alla famiglia?

Negli ultimi giorni il quotidiano Repubblica ha sollevato il coperchio su un retroscena riguardante l’acquisto del giovanissimo Mancini: il papà dell’attaccante ha chiesto ed otterrà dalla Juventus una commissione monstre da circa due milioni di euro. Anche per questo motivo il classe 2004 avrebbe preferito i bianconeri al Milan, che peraltro offrivano più soldi al Vicenza (2,5 milioni circa). Questo retroscena ha fatto storcere il naso a molti e scatenato un vespaio di polemiche con l’Aiacs che attraverso un comunicato ha chiesto a gran voce l’intervento di FIGC e CONI.

Mancini
Mancini con la maglia del Vicenza

Il comunicato dell’Assoagenti

AIACS, in riferimento alle recenti notizie riportate da media riguardo commissioni richieste dai genitori di calciatori, invita la FIGC ed il CONI affinché adottino un rapido intervento al fine di fornire un chiarimento nel merito di quello che costituisce un illecito non solo regolamentare. L’AIACS sottolinea come il regolamento agenti sportivi, ad oggi, non preveda la possibilità per un parente del calciatore di svolgere l’attività di agente e di richiedere ovvero accettare eventuali commissioni, se non in possesso di requisiti di legge. Le circostanze raccontate dai media assumono un profilo perseguibile dalle autorità competenti, cui l’AIACS si riserva di rivolgersi a tutela dei propri iscritti e dell’intera categoria”.

La storia delle commissioni sta decisamente sfuggendo di mano. Si renderà necessario l’intervento delle istituzioni?

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA