Sarri provoca i giornalisti: “Sono preoccupato per voi…”

La sfida di scacchi tra Lazio e Inter è stata vinta da Sarri sul collega Inzaghi grazie ai cambi che nel secondo tempo hanno indirizzato la partita a favore della squadra biancoceleste. Un 3 a 1 convincente che ha visto le firme di Felipe Anderson, Luis Alberto e Pedro. La squadra capitolina ha dimostrato di essersi rinforzata anche grazie al mercato in cui Lotito ha speso quasi 50 mln. Ma per i media gli acquisti non bastano mai ed ecco quindi che alla vigilia del match, i cronisti presenti in sala stampa a Formello, hanno riempito Sarri di domande sul calciomercato finché il tecnico non ha sbottato.

Sarri “preoccupato” per i giornalisti

La Lazio si è rinforzata in tutti i reparti ma resta il cruccio del terzino sinistro, dove attualmente ci sono Marusic e Hysaj che sono entrambi destri naturali e sono adattati su quella fascia. In realtà in rosa ci sarebbe anche Stefan Radu ma i 35 anni non fanno presagire chissà quante presenze. Ed ecco quindi che ogni settimana su radio mercato esce un nome nuovo per la fascia mancina: prima Valeri, poi Marcelo ed Emerson Pamieri, ora Reguilon. Lo spagnolo è in uscita dal Tottenham e su di lui c’è l’interesse di diversi club tra cui quello della Lazio (anche se stamattina è stato bocciato da Lotito in un’intervista al Messaggero).

reguilon
Sergio Reguilon in uscita dal Tottenham

Per questo motivo, Sarri è stato più volte pungolato dai giornalisti: “Quali caratteristiche deve avere il tuo terzino sinistro ideale?” e il tecnico ha risposto Io non devo scegliere, c’è chi lo fa di lavoro, perché devo farlo io?!”. Poi gli è stato chiesto se si aspetta un altro regalo da Lotito e l’allenatore toscano ha risposto stizzito “Pensiamo alla partita ora, mi sembra sbagliato parlare di mercato. Sono preoccupato per voi più che altro, tra poco finisce e non so di cosa parlerete. Di calcio? Meno male”. Appuntamento alla prossima conferenza.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA