Arsenal, Leno e la teoria del complotto: “Via per motivi politici”. E Arteta risponde

Ad inizio Agosto Bernd Leno ha lasciato all’Arsenal per accasarsi al Fulham firmando un contratto fino al 2025. Il portiere tedesco, per il cui cartellino i Cottagers hanno sborsato poco più di 10 milioni di euro, nella scorsa stagione aveva perso il posto di titolare in favore dell’inglese Aaron Ramsdale, e per ritrovare continuità e magari una maglia con la Germania per i Mondiali in Qatar, ha deciso di spostarsi nella parte sud ovest di Londra. Ma l’addio del classe ’92 non è stato privo di polemiche, anzi…

La polemica di Leno

Leno si è sfogato in patria sulle colonne di Sport Bild: “Quando ho capito che non si trattava più di prestazioni o qualità, ho preso la decisione di andarmene“, ha raccontato l’estremo difensore tedesco. Il quale ha poi rincarato la dose: “Durante la preparazione ho visto che non si tratta di prestazioni e performance, ma solo di politica. Mi era chiara una cosa: dovevo assolutamente andare via da qui“. Al Fulham per ritrovarsi: “La cosa più importante per me è ritrovare il ritmo. Soprattutto perchè non sono stato in grado di allenarmi adeguatamente all’Arsenal e non avevo alcuna preparazione. Sta a me riportare l’attenzione del Ct della Germania su di me”.

La risposta di Arteta

Non si è fatta attendere la risposta del tecnico dei Gunners Mikel Arteta, il quale incalzato dai cronisti nella conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro lo Zurigo è apparso abbastanza irritato dalle dichiarazioni del tedesco. Dopo aver sottolineato di aver dato a Leno più di un’occasione, lo spagnolo ha tagliato corto: “Sono davvero sorpreso e non so se quando parla di politica si riferisce al periodo in cui iniziava ogni partita o a quello in cui non giocava. Veramente, sono sorpreso“.

Arsenal tifosi bloccano Arteta

L’ennesimo addio con annessa polemica di un’estate piuttosto movimentata…

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA