Amichevole Russia-Bosnia, Pjanic contrario: “È una pessima decisione, non ho parole”

La Russia torna in campo. La nazionale russa, che dopo l’invasione dell’Ucraina è stata esclusa da tutte le competizioni UEFA e FIFA, è ferma ormai da quasi un anno. L’ultima partita risale al novembre 2021, a quando cioè gli uomini di Karpin persero per 1-0 contro la Croazia per le qualificazioni ai Mondiali. Da allora, nulla. Nessuna squadra, fino ad ora, ha voluto affrontare i russi, neanche per un’amichevole. La nazionale rischiava di chiudere il 2022 con zero partite disputate ma, alla fine, la Federazione è riuscita a organizzare degli incontri. 

Amichevole Russia-Bosnia, Pjanic contrario

Tre squadre, infatti, hanno accettato l’invito dei russi. Il 24 settembre, la Russia affronterà il Kirghizistan, poi a novembre è già prevista una sfida contro l’Iran. Il 19 dello stesso mese, la Russia ospiterà la Bosnia a San Pietroburgo. Quest’ultimo match ha scatenato diverse polemiche e ha fatto infuriare anche Miralem Pjanic

Il centrocampista, ex Juventus e Roma oggi al Sharjah, è rimasto senza parole. Pjanic, ai microfoni di Sportske, si è schierato contro la scelta della Federazione: “Sono al corrente della decisione della Federazione. E i dirigenti conoscono bene la mia posizione. Mi hanno chiamato e mi hanno chiesto cosa ne pensassi di questa partita. E io gliel’ho detto quello che pensavo, ma la decisione mi ha sorpreso. È una pessima decisione, non ho parole. Quando la squadra comincia a giocare bene, succede sempre qualcosa di male. Mi limiterò a dire che non è una buona cosa”.

russia

Le parole della sindaca di Sarajevo

Anche la sindaca di Sarajevo, capitale della Bosnia, ha espresso parere negativo sui social. Se la nazionale bosniaca dovesse scendere in campo contro la Russia, Benjamina Karic promette di interrompere la collaborazione tra la città e la Federazione: “Sarajevo come la città che è stata più a lungo assediata dagli aggressori e io come sindaco condanniamo fermamente la decisione della Federcalcio nazionale di giocare un’amichevole con la Russia. A meno che la decisione non venga revocata, cesseremo la collaborazione con la Federcalcio, che finora è stata fruttuosa”. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA