Esonero Tuchel, parla Boehly: “Il ko con la Dinamo Zagabria non c’entra”

Thomas Tuchel non è più l’allenatore del Chelsea e, mentre lui confessa di essere devastato, il nuovo patron Blues Todd Boehly spiega come mai il club ha preso questa decisione. La sconfitta in Champions League contro la Dinamo Zagabria non c’entra, il motivo è un altro. 

Esonero Tuchel, Boehly: “Il ko con la Dinamo Zagabria non c’entra”

Boehly, Behdad Eghbali e Jose E. Feliciano, comproprietari del Chelsea, poche ore dopo la sconfitta per 1-0 contro la Dinamo Zagabria in Champions League, hanno deciso di licenziare Tuchel. A sette giorni dalla chiusura del mercato, il tedesco ha dovuto dire addio allo Stamford Bridge. La decisione dei dirigenti, però, non è legata alla sconfitta allo stadio Maksimir. I vertici della società di Londra avevano già deciso di sostituire Tuchel. 

chelsea

Il motivo? La mancanza di una visione condivisa: “Quando rilevi un’attività – ha spiegato il miliardario alla conferenza SALT – devi assicurarti di essere allineato con le persone nel settore, e Tuchel è ovviamente estremamente talentuoso ed è una persona che ha avuto un grande successo con il Chelsea. La realtà della nostra decisione era che non eravamo sicuri che Thomas la vedesse nello stesso modo in cui la vedevamo noi. Nessuno ha ragione o torto, semplicemente non avevamo una visione condivisa per il futuro. Non si trattava di Zagabria, si trattava della visione condivisa di come volevamo che fosse il Chelsea. Non è stata una decisione presa a causa di una singola vittoria o sconfitta. È stata una decisione che pensavamo fosse la visione giusta per il club”.

Boehly: “Ci sono molti muri da abbattere al Chelsea”

I nuovi proprietari del Chelsea hanno deciso di cambiare allenatore in seguito alle valutazioni fatte durante i primi 100 giorni di attività. Una decisione che ha devastato il tedesco. 

chelsea Boehly

Boehly ha svelato infine che in casa Blues ci sono diverse problematiche da risolvere:Ci sono molti muri da abbattere al Chelsea. Prima, la prima squadra e l’accademia non condividevano realmente i dati, non condividevano informazioni sulla provenienza dei migliori giocatori. Il nostro obiettivo è riunire una squadra; tutto ciò deve essere una macchina ben oliata”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA