L’emozionante messaggio di addio al calcio di Santon: “Il viaggio più bello, imprevedibile, umiliante e stimolante”

Lo aveva anticipato qualche giorno fa in un’intervista, adesso è arrivato anche l’annuncio ufficiale sulla sua pagina Instagram: Davide Santon lascia il calcio a soli 31 anni. Il messaggio di addio dell’ormai ex terzino è lungo ed emozionante.

Il messaggio di addio al calcio di Santon

Con un lunghissimo ed emozionante messaggio diviso in due parti pubblicato sul proprio profilo Instagram, Davide Santon ha confermato quanto detto in un’intervista di qualche giorno fa ed ha annunciato il suo ritiro dal calcio giocato. L’ex terzino di Inter, Newcastle e Roma dà l’addio in seguito ai troppi infortuni patiti in carriera. “Mi ci è voluto un po’ per esternare questo pensiero – ha scritto il 31enne – principalmente perché non ero sicuro di come mettere tante emozioni diverse in una frase, o più esattamente come trovare le parole adatte per dire addio al calcio. La passione, la dedizione, l’adrenalina, il lavoro di squadra e il divertimento di questo sport sono state la mia motivazione fin da bambino“.

santon

“Una montagna russa”

L’obiettivo era di giocare finché la scintilla che si era accesa quando ho toccato una palla per la prima volta – continua il classe ’91 – fosse stata accesa. Ho vissuto il viaggio più bello, imprevedibile, umiliante e stimolante. Una ‘montagna russa’ di eventi, fatta di tante vittorie ma altrettante cadute“.

Dopo 3 operazioni al ginocchio destro e quest’ultimo problema al sinistro non mi è possibile giocare come vorrei. Ho lavorato duramente nel corso degli anni e ho dato molto più di quanto una partita di 90 minuti potesse mai mostrare. Sfortunatamente ora, quel lavoro non è più sufficiente a causa della mia condizione fisica“. Tanti i ringraziamenti: “È stata un’esperienza e un viaggio incredibile che ora devo abbandonare, ma sono ottimista nei confronti di un nuovo capitolo della mia vita“.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA