Ronaldo, la madre del tifoso autistico si sfoga: “Non deve farla franca”

Cristiano Ronaldo sotto accusa. La mamma del giovane tifoso autistico, al quale il portoghese aveva rotto il telefono dopo il ko con l’Everton, chiede alla Football Association che l’attaccante non la faccia franca. Il giocatore del Manchester United, dopo che la sua squadra aveva perso contro i Toffees a Goodison Park ad aprile, è stato filmato mentre schiaffeggiava la mano del giovane Jacob Harding.

Ronaldo, in seguito, si è scusato con il 14enne ma la vicenda non si è chiusa con il suo pentimento. L’ex Juve è stato interrogato dalla polizia in relazione a una presunta aggressione. Il portoghese, inoltre, è stato anche accusato di aver violato la regola E3 della FA relativa alle condotte improprie e/o violente.

Ronaldo, la madre del tifoso autistico si sfoga: “Non deve farla franca”

La madre del ragazzo Sarah, ai microfoni del Mirror, ha ribadito che spera che CR7 riceva una punizione esemplare: Speriamo che finalmente riceva la giusta punizione. Non può continuare a farla franca. Il suo comportamento è inaccettabile. Doveva essere punito sei mesi fa. Mio figlio parla di quello che gli è successo ogni giorno”.

Cristiano Ronaldo

La polizia del Merseyside ha pagato per riparare il telefono, ma Sarah crede che avrebbe dovuto pagare il fuoriclasse portoghese, non solo per lo smartphone, ma per tutta la vicenda: “Avrebbe dovuto pagare per quello. È lui che ha causato tutto questo. Mi sconcerta questa cosa, può aggredire un bambino e andare avanti normalmente. Come può dormire la notte sapendo l’angoscia che ha causato a un giovane fan?”. 

Le scuse di Ronaldo dopo l’incidente

La 37enne ha svelato anche che Ronaldo non si è mai scusato né con lei né con suo figlio: Ci ha offerto di incontrarlo e ha detto che gli dispiaceva, ma ha detto che non aveva fatto nulla di male. Non sono scuse, è un insulto”. Jacob ha aggiunto: “Lo ammiravo ma quel giorno non ha dato l’esempio”.

Cristiano Ronaldo cr7

Ronaldo, dopo l’incidente, aveva pubblicato un post sui social per chiedere scusa al giovane tifoso: “Non è mai facile affrontare le emozioni in momenti difficili come quello che stiamo affrontando. Tuttavia, dobbiamo sempre essere rispettosi, pazienti e dare l’esempio a tutti i giovani che amano il bel gioco. Vorrei scusarmi per il mio sfogo e, se possibile, vorrei invitare questo tifoso ad assistere a una partita all’Old Trafford in segno di fair-play e sportività”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA