L’immagine di Grealish su Fifa 23 diventa virale. Lui commenta: “Sembro quello di Toy Story”

Da pochi giorni Fifa 23 è ufficialmente sul mercato, e sono tantissimi gli appassionati che hanno subito acquistato il famosissimo gioco calcistico per consolle. E anche se l’obiettivo principale dei calciatori è esibirsi sul campo nella vita reale, non sono pochi quelli che si cimentano in Fifa cercando di mettersi alla prova anche sul campo virtuale. Tra questi c’è il centrocampista del Manchester City Jack Grealish, il quale però è rimasto tutt’altro che impressionato dal modo in cui EA Sports l’ha raffigurato nel gioco, e non ha potuto fare a meno di farlo notare ai creatori attraverso una storia social.

Grealish su Fifa 23 diventa virale

Fifa 23 è disponibile da venerdì, e sono tantissimi i giocatori di tutto il mondo che hanno cominciato a cimentarsi nel gioco e a recensirne qualità, giocabilità e ogni tipo di caratteristica. C’è però chi è rimasto decisamente deluso dal suo aspetto virtuale, il centrocampista del City e della Nazionale Inglese Jack Grealish, il quale attraverso i social ha commentato a metà tra l’ironico e l’indispettito: “Nah dai amico – ha scritto taggando l’account ufficiale di Fifa – sembro quel tipo di Toy Story!!!!“.

Grealish su Fifa 23

Una lamentela che sa di richiesta

Il riferimento del calciatore è a Sidney “Sid” Phillips, il cattivo dalla testa grossa del film originale di Toy Story. L’immagine si è rapidamente diffusa sui social diventando ben presto virale e scatenando l’ilarità di tanti fan e appassionati di calcio e gaming. La lamentela social di Grealish è comunque sembrata a molti una sorta di velata richiesta ad EA Sports affinchè riveda e corregga la sua immagine. Del resto l’inglese non è il primo a lamentarsi del suo “io virtuale”, anche se notoriamente i calciatori reclamano per la loro valutazione, non per la loro immagine.

Eletronic Arts ascolterà le richieste dell’estroso centrocampista?

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA