Napoli, Koulibaly: “Stanno giocando benissimo. Ho visto giocatori cresciuti, non hanno più bisogno di me”

Show europeo del Napoli che, alla Johan Cruijff Arena, ne fa 6 all’Ajax. Dopo i quattro goal al Liverpool e i tre ai Rangers, un’altra goleada azzurra, che conferma il primato della squadra di Spalletti nel Girone A di Champions. Una prestazione stellare celebrata anche dai quotidiani olandesi: “Napoli da leccarsi le dita”. Tra i tanti complimenti, arrivano anche quelli dell’ex Kalidou Koulibaly. Il difensore, dopo la vittoria del Chelsea sul Milan, ha parlato anche della sua vecchia squadra e ha espresso la sua felicità per i risultati dei partenopei.

Napoli, Koulibaly: “Stanno giocando benissimo”

Il senegalese, che si è trasferito al Chelsea in estate, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport dopo il match di Champions League contro i rossoneri. Koulibaly ha commentato le prestazioni dei suoi ex compagni e ha detto di essere molto felice per loro:Il Napoli sta giocando benissimo, sono molto felice per loro. Ho parlato con qualche giocatore e con l’allenatore e li sento molto contenti. Stanno facendo un gran campionato e una grande Champions”. 

Koulibaly

Prestazioni straordinarie, che l’hanno un po’ sorpreso: “Me l’aspettavo? Veramente no, ma ho visto dei giocatori che sono cresciuti. Non hanno più bisogno di me e quello mi fa piacere. Spero che andranno ancora avanti per tanto tempo. Non dico niente per il campionato perché a Napoli siamo scaramantici”.

La stagione del Chelsea

Ottima giornata di Champions per gli azzurri, ma anche per il Chelsea. La formazione di Potter ha vinto per 3-0 contro il Milan e ora è seconda nel Gruppo E, dietro all’RB Salisburgo. Wesley Fofana, Pierre-Emerick Aubameyang e Reece James hanno regalato i tre punti al club londinese. In Premier League, invece, i Blues sono al quinto posto, a 8 punti dai rivali cittadini dell’Arsenal che, al momento, guidano la classifica della massima serie inglese. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA