Spunta la clausola nel contratto di Haaland: tra 2 anni può lasciare il City, ma la cifra…

L’inizio di stagione di Erling Haaland con il Manchester City è stato a dir poco spaventoso, con l’attaccante norvegese già a quota 20 reti dopo appena 13 presenze con la sua nuova squadra. Numeri clamorosi per il classe 2000, cha ha già fatto innamorare Pep Guardiola e tutti i tifosi dei Citizens. Ma per il club inglese ci sarebbe il rischio concreto di perdere il centravanti a causa di una clausola inserita nel suo onerosissimo contratto da 865mila sterline a settimana. A rivelarlo è stato il The Athletic.

La clausola nel contratto di Haaland

Secondo il sempre ben informato portale sportivo britannico, il contratto quinquennale di Haaland comprende una clausola rescissoria dal valore di 200 milioni di euro che entrerà in vigore a partire dal 2024. Una clausola la cui cifra diminuirà con l’avvicinarsi della scadenza del suo contratto datata 2027. La postilla presente nell’accordo tra il norvegese e i Citizens comunque, è valida solo per l’estero ed esclude quindi tutti i top club di Premier League. Real Madrid, Barcellona, ​​Paris Saint-Germain e Bayern Monaco hanno già iniziato a sfregarsi le mani…

Haaland

Escluse le big di Premier

Manchester United, Chelsea, Liverpool e il resto della Premier League dunque, non potranno acquistare Haaland direttamente dal City, ma dovrebbero aspettare e sperare che il norvegese resti ai Citizens fino alla scadenza del suo contratto per poi provare a prelevarlo a parametro zero. The Athletic tuttavia crede che già a partire dal 2024 le grandi di Spagna busseranno dalle parti dell’Etihad, anche se ai 200 milioni per il cartellino dovranno aggiungere i bonus e le onerose commissioni per gli agenti, che si aggirerebbero sui 50 mln.

Guardiola-haaland

Il centravanti nativo di Leeds comunque, ha dimostrato di valere ampiamente un tale esborso, soprattutto in virtù delle cifre che girano in questi tempi…

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA