Dopo 20 anni arrivano le scuse di Ronaldo a tutte le mamme: “Mi dispiace”

I calciatori famosi sono idolatrati da mandrie di tifosi di tutte le età, soprattutto giovani. Esultanze, vestiti, tatuaggi, aspetto fisico: chi, a maggior ragione se in tenera età, non farebbe di tutto per somigliare al proprio idolo? E nell’ormai lontano 2002 un’orda di ragazzini decise di copiare lo sciagurato tagli di capelli del calciatore più forte del momento, il fenomeno Ronaldo, il quale si presentò ai Mondiali in Corea e Giappone con una sorta di mezzaluna che fece decisamente scalpore. Per quel taglio il brasiliano a distanza di due decenni ha deciso di chiedere scusa…a tutte le mamme.

I motivi di quel famigerato taglio

In un’intervista a ESPN risalente a circa 4 anni fa, Ronaldo aveva spiegato i motivi che lo avevano portato ad optare per quel famigerato taglio di capelli: “Avevo avuto un infortunio e la gente non parlava di altro. Quindi ho deciso di tagliarmi i capelli e di lasciare solo quella cosa nella parte anteriore. Sono andato agli allenamenti e tutti quanti mi hanno visto con quei capelli terribili. Ma alla fine tutti quanti parlavano di quello e si erano dimenticati il mio infortunio. E quindi io potevo stare più tranquillo e concentrarmi sull’allenamento“, aveva raccontato in quell’occasione l’ex attaccante di Barcellona, Inter, Real Madrid e Milan.

Ronaldo 2002

Le scuse di Ronaldo

Parlando alla trasmissione inglese Good Morning Britain in vista dell’uscita del documentario sulla sua carriera, Ronaldo ha voluto porgere le proprie scuse per i tanti proseliti che quell’orrendo taglio fece in tutto il mondo: “Mia madre e milioni di mamme in giro per il mondo mi odiano ancora oggi“, ha confessato il brasiliano. “E ho incontrato persone con i figli che avevano i miei stessi capelli. Chiedo scusa, sono molto dispiaciuto per questo!“.

Ronaldo il Fenomeno oggi.
Ronaldo il Fenomeno oggi.

Grazie Ronnie, erano 20 anni che aspettavamo queste scuse.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA