Deve sottoporsi a intervento per appendicite, ma c’è la semifinale: giocatore scappa dall’ospedale 

Incredibile quanto successo in Argentina. Un giocatore scappa dall’ospedale per non perdersi la semifinale. L’Instituto, squadra che ha sede nella città di Cordoba e che milita nella Primera B Nacional, la seconda divisione del calcio argentino, è arrivata seconda nell’ultima stagione regolare. Si è qualificata quindi per le semifinali dei playoff. Chi supererà la prova playoff otterrà un pass per la massima serie. Un appuntamento importantissimo a cui Ezequiel Parnisari non voleva proprio mancare.

Il difensore della squadra di Cordoba, nei giorni scorsi, era stato ricoverato in ospedale e, come riferito dal club, doveva sottoporsi ad appendicectomia. Il giocatore, però, il giorno dell’intervento è scomparso. Paura? Macché, aveva un appuntamento più importante: doveva allenarsi con la squadra in vista delle semifinali. Il calciatore quindi è scappato dall’ospedale per raggiungere il centro sportivo. 

C’è la semifinale: giocatore scappa dall’ospedale 

Nella stagione che si è appena conclusa, Ezequiel Parnisari ha collezionato bene 34 presenze tutte da titolare e ha realizzato anche due gol. Il difensore ha saltato solamente due gare, di cui una per squalifica. Un vero e proprio pilastro della formazione di Cordoba che, negli ultimi giorni, era finito in ospedale per appendicite. Un imprevisto che non ha comunque fermato il giocatore.

Parnisari, infatti, è scappato dalla clinica dove doveva essere operato. Se si fosse sottoposto all’appendicectomia sarebbe rimasto indisponibile per un periodo compreso tra 10 e 20 giorni e non avrebbe potuto scendere in campo per la doppia sfida di semifinale con i Defensores de Belgrano, in programma il 30 ottobre e il 6 novembre.

Ezequiel Parnisari giocatore

Inconcepibile per il giocatore, lui doveva allenarsi e giocare. Il difensore decide così di scappare dall’ospedale per andare ad allenarsi e per prepararsi al match. A raccontare la storia è stata la moglie del calciatore, Pamela Andrada. 

Il racconto della moglie del giocatore

La donna ha spiegato sui social cos’ha fatto il marito, ma anche cos’ha dovuto fare lei affinché Parnisari tornasse in ospedale: “In tutti questi anni hai fatto molte cose pazze. Nella maggior parte dei casi non sono mai stata d’accordo, ma ti ho sempre sostenuto e accompagnato, odio quando non dai priorità alla tua salute ma amo anche la tua passione per quello che fai, so che vivi per il calcio. Giovedì pomeriggio abbiamo vissuto un pomeriggio più che pazzo. Scappare da un ospedale perché ti dicono che ti devono operare per appendicite è come essere in un film. Sì, è scappato”.

Paura? No, Ezequiel voleva giocare la semifinale: “Molti penseranno che sia scappato perché aveva paura dell’operazione ma no… ‘Devo giocare la semifinale, non possono operarmi’, non mi sbaglio quando dico che sei matto”. Pamela ha fornito poi i dettagli su come è riuscita a convincere Ezequiel a tornare in ospedale: “Migliaia di chiamate e lui niente. Allora gli ho scritto ‘Se non torni in ospedale ti cercheremo con la polizia’”.

Il post di Pamela, intitolato “Mi loco bonito”, è diventato virale. Il marito è tornato in ospedale e la squadra cercherà di vincere anche senza di lui. Se l’Istituto riuscirà ad accedere alla finale, affronterà il vincitore tra Gimnasia de Mendoza ed Estudiantes de Buenos Aires.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA