Germania, la critica di Kroos: “Non abbiamo una squadra titolare fissa e solida”

Per la Germania il Mondiale in Qatar è ormai solo un ricordo. La squadra guidata da Flick non è riuscita a superare la fase a gironi ed è già tornata in patria. Per la seconda volta consecutiva, dopo Russia 2018, la selezione tedesca non riesce ad aggiudicarsi un pass per la fase a eliminazione diretta e le critiche non sono mancate. Tra queste, anche quella di Toni Kroos, che ha detto addio alla nazionale nel luglio 2021. 

Germania, Kroos: “Non abbiamo una squadra titolare fissa”

La Germania è stata una delle grandi delusioni ai Mondiali in Qatar. La sua eliminazione è stata un duro colpo per i tedeschi, anche per il campione del mondo 2014 Kroos, che ha subito la stessa sorte nel 2018. Il centrocampista del Real Madrid è intervento sulla piattaforma streaming Magenta TV e ha analizzato la squadra di Flick. L’ex Bayern si aspettava molto di più di: “L’ho vissuto come un giocatore medio ancora attivo. Io stesso ero seduto lì quattro anni e mezzo fa, dopo un’eliminazione al primo turno, e ora ho provato lo stesso. È stata un’altra grande delusione”. 

Kroos ha poi dato la sua chiave di lettura su ciò che non va bene in questa squadra. Troppa instabilità: Sono bastati piccoli dettagli per mandarci in confusione a livello di squadra. E non abbiamo trovato gli automatismi giusti per riprenderci. Abbiamo una piccola malattia, che avevamo già prima dei Mondiali. Stavamo vincendo 2-0 contro l’Inghilterra, abbiamo subito un gol e tutto quanto è crollato. La stessa cosa è successa contro l’Ungheria, abbiamo preso un gol e non abbiamo saputo rispondere. E ora è accaduto di nuovo. E questo succede perché non abbiamo una squadra titolare fissa e solida”.

Kroos: “Dovevamo assolutamente passare il turno”

Il centrocampista sostiene che sì, la Germania non aveva tante stelle come altre squadre, ma ne aveva abbastanza per arrivare almeno agli ottavi:Con la nostra squadra, dovevamo assolutamente passare il turno. Se il Brasile ci eliminava nei quarti di finale, potevamo dire “Ok, è il Brasile. Aveva forse otto giocatori di livello mondiale, noi solo quattro’, ma non ditemi che siamo fuori perché abbiamo meno qualità del Giappone”.

Il problema principale per Toni Kroos è che in nessun momento la squadra ha avuto la forza di rialzarsi, ma non solo. Secondo lui, contro il Giappone, i giocatori avrebbero dovuto concentrarsi su “difendere e vincere con il minimo”. Invece, dopo sole tre partite, la Germania ha detto addio al Mondiale, ancora…

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA