Insulti social a De Sciglio in seguito al caso Juve: “Infame!”

Il mondo Juventus è in subbuglio a causa del terremoto scatenatosi in seguito all’inchiesta Prisma della Procura di Torino su plusvalenze, stipendi e bilanci del club. Inchiesta che ha portato alle dimissioni in blocco e al rinvio a giudizio del Cda e nella quale ogni giorno emergono nuovi particolari e retroscena. L’ultimo in ordine di tempo è quello che vedrebbe Mattia De Sciglio e Matthijs de Ligt come coloro che avrebbero fornito agli inquirenti le chat tra giocatori riguardanti gli stipendi. I tifosi bianconeri non hanno preso troppo bene la notizia, e in queste ore stanno inondando il terzino ex Milan di pesanti insulti social.

Juve

De Sciglio nel mirino dei tifosi

Secondo le indiscrezioni Mattia De Sciglio e Matthijs de Ligt avrebbero procurato ai pm dell‘inchiesta Prisma gli screenshot delle chat di gruppo di Whatsapp dei giocatori juventini contenenti informazioni segrete dell’affaire stipendi. Screenhot che gli inquirenti hanno acquisito come atti dell’inchiesta e nei quali Giorgio Chiellini spiegava ai compagni che il club voleva che la comunicazione ufficiale fosse che i calciatori avrebbero rinunciato a 4 mensilità durante il lockdown, quando loro invece sapevano che ne avrebbero comunque recuperate tre, anche i giocatori che avrebbero lasciato Torino.

Mattia De Sciglio

Gli insulti

Inevitabilmente i due “delatori” sono finiti nel mirino dei tifosi della Juventus, in particolare De Sciglio, il quale si è ritrovato una foto social piena di commenti colmi di insulti e minacce. “Back to work“, aveva scritto il terzino tornato ad allenarsi dopo l’infortunio muscolare subito ad Ottobre, ma a margine del post si leggono commenti molto duri dei supporters bianconeri: “Infame“, “Sbirro“, “Traditore“, “Fai schifo“, “Ingrato“, sono solo alcuni degli epiteti affibbiati all’esterno ex Milan.

L’aria che si respira in casa Juve sta diventando giorno dopo giorno irrespirabile.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA