Altro lutto nel mondo del calcio: morto il giornalista Mario Sconcerti

Mario Sconcerti si è spento improvvisamente a 74 anni: era stato ricoverato al Policlinico di Tor Vergata per accertamenti di routine. È stato direttore del Corriere dello Sport e del Secolo XIX, vice direttore della Gazzetta dello Sport ed editorialista del Corriere della Sera, ma ha scritto anche su Repubblica. Storico opinionista tv a Sky, Mediaset Rai Sport e in passato aveva anche ricoperto il ruolo di direttore generale della Fiorentina nei primi anni 2000 sotto la presidenza di Cecchi Gori. Dopo Sinisa Mihajlovic, un altro lutto che colpisce duramente il mondo del calcio italiano. Addio Mario…

Morto Mario Sconcerti

La sua carriera professionale comincia al Corriere dello Sport nella redazione di Firenze. Si occupa principalmente di calcio e di ciclismo, diventando la penna di cinque Giri d’Italia e tre Tour de France. Nel 1979 dirige le pagine sportive della Repubblica portando nella redazione sportiva firme del calibro di Gianni Brera e Gianni Mura. Nella primavera del 1987 prende l’incarico di vicedirettore vicario della Gazzetta dello Sport, durante la direzione di Candido Cannavò.

Nei primi anni ’90 dirige dapprima il Secolo XIX e poi il Corriere dello Sport fino al 2000, quando Cecchi Gori lo chiama alla Fiorentina come direttore generale. In realtà la sua esperienza nel mondo del calcio dura solo pochi mesi a causa di alcune divergenze dapprima con un altro dirigente Antognoni e poi con lo stesso Cecchi Gori. Negli anni recenti è stata la prima firma sportiva del Corriere della Sera e opinionista in numerose trasmissioni televisive di Mediaset, Sky Sport, e Rai. Mai banale nei suoi interventi e sempre tagliente nelle critiche, è arrivato spesso allo scontro con i suoi interlocutori. Storiche le liti con Allegri, Mourinho e Della Valle.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA