Il tatuaggio di Richarlison non piace a Neymar: soldi al compagno per rimuovere la sua faccia

Ci si aspettava molto di più dal Brasile, una delle grandi favorite in questa edizione dei Mondiali, ma i verdeoro si sono fermati ai quarti di finale battuti ai rigori dalla Croazia. Uno dei grandi protagonisti della prima parte del torneo per i brasiliani è stato sicuramente Richarlison, autore di 3 goal uno dei quali seriamente candidato ad essere il più bello della competizione (rovesciata contro la Serbia). Ma a far parlare dell’attaccante del Tottenham è stato anche il suo ultimo, vistosissimo tatuaggio a tutta schiena, che raffigura da un lato Ronaldo il Fenomeno, dall’altro Neymar e al centro sè stesso. Un “incisione” che non è piaciuta proprio a tutti, e secondo quanto riportano in Brasile, nemmeno allo stesso O’Ney…

Neymar vuole pagare Richarlison

Un tatuaggio per consolarsi e rendere meno amara la cocente eliminazione in Qatar, e forse per ergersi tra i mostri sacri del calcio brasiliano. Così Richarlison ha pensato bene di farsi disegnare sulla schiena una grande immagine di lui al centro di Ronaldo e Neymar, con sotto una frase di Pelè. Un tatuaggio che ha fatto discutere e che nemmeno l’attaccante del Paris Saint Germain avrebbe troppo gradito, almeno stando a quanto riportato da Globo Sport, secondo il quale O’Ney avrebbe addirittura inviato dei soldi al compagno di nazionale pur di farsi rimuovere dalla sua schiena…

Richarlison

Realtà o fake news?

Secondo Globo Neymar avrebbe inviato a Richarlison 30mila euro per convincerlo a far sparire il suo volto da quel vistosissimo tatuaggio. Nei giorni scorsi inoltre la stella del Psg aveva bloccato il connazionale dai social, anche se a detta di molti si trattava solo di uno scherzo: i due infatti durante il Mondiale hanno legato molto e stretto un profondo rapporto di stima e amicizia. Ma quel tatuaggio forse la punta del Tottenham poteva anche risprmiarselo… Vero O’Ney?

icharlison

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA