Ternana contestata, il presidente perde il controllo sui social: “La bottiglia ve la ficco nel c***”

Clima pesante, anzi pesantissimo in casa Ternana, dove dopo la netta sconfitta esterna contro il Frosinone, il secondo 3-0 consecutivo dopo quello subito in casa contro il Como, è scoppiata la contestazione dei tifosi. Gli umbri, comunque ottavi ed in piena corsa per un posto nei playoff, vivono un momento piuttosto negativo: solo un punto nelle ultime tre partite, raccolto l’11 Dicembre sul campo del Sutirol. La contestazione, diretta soprattutto al presidente delle Fere Stefano Bandecchi ha scatenato la sua durissima risposta social. Una reazione veemente e ricca di parole decisamente colorite quella del massimo dirigente degli umbri.

Ternana nel caos

La sconfitta sul campo del Frosinone capolista non è andata proprio giù ai tifosi della Ternana, che al termine della sfida hanno contestato platealmente il patron rossoverde Stefano Bandecchi, andato sotto il settore occupato dai circa 1000 tifosi arrivati da Terni per sostenere la squadra. Nei confronti di quest’ultimo è stata lanciata anche una bottiglietta, ed il gesto ha scatenato la sua durissima reazione social, in cui senza usare mezzi termini ha espresso tutto il suo disappunto per l’accaduto.

Bandecchi Ternana

La durissima risposta di Bandecchi

Voi non vi meritate un cazzo, siete solo esaltati nei momenti positivi e delle merde inutili in quelli negativi”, ha scritto il numero uno della Ternana in un post Instagram reagendo alla contestazione subita a Frosinone. Poi ha rincarato la dose: “Collegate il cervello che solo così sarete utili sennò smettete di rompermi i coglioni perché la bottiglia di oggi ve la rimetterò nel culo. Io non sopporto i dementi. Può anche pubblicare il mio pensiero perché io non ho bisogno di essere in mille“. A commento del durissimo sfogo ha poi aggiunto un messaggio di auguri: “Questa è a mia risposta al rispetto che meritano i tifosi. Buone vacanze“.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA