Karsdorp-Roma, Pinto duro: “Qualcuno si è divertito a fare il fenomeno…”

Con il calciomercato alle porte, una separazione che pare ormai inevitabile è quella tra Karsdorp e la Roma. L’esterno difensivo è finito nelle antipatie di Mourinho e ormai è a un passo dall’addio.

Un rapporto sfaldato

Una separazione inevitabile, ma per la quale la Roma non vuole perdere un incasso. Tiago Pinto, ad giallorosso, ha confermato infatti di voler chiudere il rapporto tra Karsdorp e il club capitolino il prima possibile, non prima però di aver fatto chiarezza sulle vicende tra il giocatore e la squadra. Pinto ha respinto infatti le accuse di vessazione e mobbing nei confronti di Karsdorp, oltre che la volontà di escluderlo dalla rosa.

Karsdorp con Mourinho

Tiago Pinto duro su Karsdorp

In un’intervista è stato molto chiaro sulla situazione riguardante il rapporto tra il giocatore e il resto della squadra: “Non è mai stato escluso dalla rosa anche se non si è presentato come accordi per ben due volte e dal punto di vista disciplinare ha compiuto una grave scorrettezza, prima senza presentarsi all’allenamento e poi non partecipando alla tournée organizzata dalla Roma in Giappone”. Anche il fatto che Karsdorp si sia rivolto alla FifPro, l’associazione dei giocatori professionisti, denunciando il comportamento della Roma senza interpellare il club, è stato questione di dibattito, chiuso da Pinto con una stoccata feroce: “Qualcuno ultimamente era in cerca di fama, si è divertito a fare il fenomeno”.

Tiago Pinto, AD della Roma
Tiago Pinto, amministratore delegato della Roma

Si è creata una situazione in cui nessuna delle parti interessate intende fare un passo indietro. La Roma rimane dell’idea di venderlo ma non a parametro zero, considerando che il contratto del terzino scade a giugno 2025. Karsdorp e il suo entourage invece non intendono ricucire lo strappo creatosi con la dirigenza e con Mourinho e attende solo un’offerta per cambiare maglia.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA